Translate

Lettori fissi

BLOGTOUR "CHI HA UCCISO MIA SORELLA" focus omicidi e rapimenti

00:42

Buongiorno readers! In occasione dell'uscita di CHI HA UCCISO MIA SORELLA, thriller edito da Newton Compton, firmato da Julia Heaberlin (autrice del bestseller GLI OCCHI NERI DI SUSAN) io e altre tre booksblogger ospiteremo nei nostri angoli sul web un BLOGTOUR ricco di adrenalina. Curiosi di saperne di più su questo grande thriller?



Chi ha ucciso mia sorella

Julia Heaberlin

Editore: Newton Compton
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 27 settembre 2018
Pagine: 384 p., Rilegato
Prezzo: 10.20€



Ha pianificato questo momento da quando aveva solo dieci anni. Ossessivamente, metodicamente, ha previsto ogni dettaglio, si è immaginata ogni possibile scenario. Adesso è quasi certa che l'uomo che ha rapito e ucciso sua sorella sia seduto sul sedile del passeggero proprio accanto a lei. Carl Louis Feldman è un fotografo e sostiene di non avere alcun legame con la serie di omicidi avvenuti in Texas molti anni prima, ma una scatola di vecchie fotografie fa sospettare il contrario. Determinata a scoprire la verità, la ragazza l'ha convinto a seguirla in un viaggio di dieci giorni, loro due soli. Chi è davvero Carl Louis Feldman? Ha veramente ucciso sua sorella? È un impostore o un uomo dal cuore spezzato? Un artista o un pazzo? O, magari, a essere pazza è la ragazza seduta al posto di guida...









Nata in Texas, è una giornalista pluripremiata, che ha lavorato per varie testate locali («Fort-Worth Star Telegram», «The Detroit News» e «The Dallas Morning News»). Con Gli occhi neri di Susan è arrivata in vetta alle classifiche degli Stati Uniti e presto dal suo romanzo sarà tratto un grande film. Chi ha ucciso mia sorella è il secondo libro pubblicato dalla Newton Compton. Vive a Dallas. Per maggiori informazioni, visitate il sito juliaheaberlin.com.







Caratteristica che accomuna tutti i grandi thriller, oltre la suspance e un intreccio studiato a tavolino con uno stile incalzante, è il fattore mistero. Un evento imprevedibile e sconvolgente che caratterizza la narrazione ed occupa tutta la scena. In questo caso parliamo principalmente di omicidi e rapimenti.

I thriller si fondono comunque spesso con il giallo inteso come romanzo enigma in senso lato, ma possono esserci differenze
sostanziali nella trama. In un thriller, il protagonista deve spesso fermare i piani criminali dell'antagonista e i crimini sono normalmente compiuti su larga scala: omicidi seriali o di massa, atti di terrorismo oppure rovesciamenti di governi. Il 
pericolo e gli scontri più o meno violenti sono spesso elementi 
fondamentali della trama. Mentre nel giallo classico il climax viene di solito raggiunto quando il mistero viene risolto, nei thriller viene raggiunto quando il protagonista, alla fine, riesce a battere l'antagonista, salvando la vita a sé stesso e molto frequentemente anche ad altri personaggi. Così il termine thriller d'azione è sinonimo di giallo d'azione, entrambi caratterizzati da un'atmosfera di forte tensione dove le spirali ascendenti del climax sono presenti dall'inizio della storia. Si contrappongono al giallo psicologico che si distingue invece per l'indagine introspettiva nei sotterranei della psiche in luogo dell'azione. Differenze sono anche riscontrabili  nella scrittura, più nervosa e serrata nel thriller o nel giallo d'azione, più elaborata nel giallo psicologico.


In particolare, poi, nel thriller psicologico si va a "sfruttare" il fatto rapimento e come questo evento incide sulla vita dei famigliari della vittima. 
Combinando questi due termini, la definizione cambia in una narrativa che vede i personaggi esposti a rischi a livello mentale
 piuttosto che a livello fisico. I personaggi non fanno più 
affidamento sulla forza fisica per sconfiggere i loro nemici brutali  (il che succede spesso nei thriller d'azione), ma piuttosto si affidano alle loro risorse mentali, sia che si debba lottare con un avversario formidabile sia che si debba lottare per l'equilibrio nella stessa mente del personaggio.

Quanto agli omicidi, invece, molti di questi hanno ispirato la stesura di famosissimi romanzi. Insomma gli autori si sono basati su storie tristemente accadute, modellate poi a loro piacimento. 
Da Peter Robinson, l’assassino cui si è ispirato Edgar Allan Poe per ‘Il cuore rivelatore’, a Charles Schmid, il serial killer che Joyce Carol Oates ha preso a modello per scrivere “Storie americane”.
La classifica dei moventi per un omicidio: denaro, sesso, vendetta, odio. Ma il più pericoloso - per P.D. James - è l'amore. In generale, il colpevole non è mai il maggiordomo.



Se volete recuperare le tappe delle mie colleghe qui sotto vi lascio il banner! Noi ci vediamo il 27 per la recensione!




RECENSIONE "INFINITO+1" di Amy Harmon

03:03

Buona domenica lettori! Oggi la nostra contributors Federica ci parla di un libro che le sta a cuore, precisamente uno young adults, un turbinio di emozioni, misteri, amori e paradossi.
Follia e ironia si mescolano insieme, in un'avventura capace di cambiarti la vita!
STIAMO PARLANDO DI INFINITO+1 di Amy Harmon.






Infinito+1

Traduttore: S. Rega
Editore: Newton Compton
Collana: Anagramma
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 18 febbraio 2016
Pagine: 352 p., Rilegato
Prezzo: 10€


Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca, bellissima e famosa. E soprattutto desidera morire. Finn Clyde è un signor nessuno. Nonostante sia brillante e cinico si trova completamente a pezzi. E tutto ciò che vuole è la possibilità di vivere ancora. Finn ha un passato con cui confrontarsi, Bonnie un futuro che non vuole affrontare. La decisione è drastica: buttarsi a testa in giù o afferrare la sua mano e rischiare tutto. Così, mentre il ticchettio di un orologio scandisce il tempo della scelta, inizia la loro avventura, un viaggio che cambierà per sempre le loro vite. "Infinito + 1" è un romanzo che parla di persone famose ma costrette in gabbie dorate, che un giorno hanno la fortuna di trovare un amico dietro un volto sconosciuto, e di scoprire l'amore nel più strano dei luoghi.

Amy Harmon è una scrittrice di romanzi rosa. È autrice di I cento colori del bluSei il mio sole anche di notteInfinito + 1, pubblicati in Italia dalla Newton Compton.












Bonnie è una cantante famosa, bella, ricca.. Penserete: “Che cosa potrebbe desiderare di più?’'
La MORTE.
Ebbene sì, lei vuole morire. E’ stanca della vita che conduce, stanca dei ritmi frenetici dovuti ai concerti, al successo, stanca di indossare una maschera di felicità, quando invece vorrebbe solo mettersi in un angolino e piangere.
Questo malessere è causato dalla perdita della sua gemella Minnie, morta di leucemia. Bonnie si colpevolizza per non essere stata vicina alla sorella quando morì, ma il tutto le fu taciuto dalla nonna, sua algida manager, perché Bonnie andando al funerale, avrebbe dovuto interrompere il tour, cosa per lei inammissibile.. “..tanto sarebbe morta comunque…tu lì non servivi” queste le sue parole!
Così, appena finito l’ultimo concerto, dopo essersi tagliata i suoi bellissimi e lunghi capelli, e preso la borsa della nonna con tutto il suo provvidenziale contenuto, scappa di nascosto, senza nessun documento d’identità e si dirige nelle prossimità di un fiume..ed è qui che la trova Finn Clyde..
Nonostante la fitta nebbia, lui nota questa figura in piedi, sul parapetto di un ponte, pronta per fare il grande salto! La scambia per un ragazzo e proprio quando lei sta per saltare, l’afferra al volo e la salva. 
Da questo abbraccio comincia la storia rocambolesca tra i due!

Intraprendono un viaggio, attraversando vari Stati, verso Las Vegas, perché è lì che Clyde deve andare per lavoro, dopo essere stato 5 anni in galera per un crimine mai commesso.. E’ stato Fish, suo fratello gemello, quello più scapestrato tra i due a compiere la rapina, ma il ragazzo ne esce ferito a morte e lui, incolpato come suo complice…
Bonnie e Clyde sono come lo yin e lo yang. Lei crede in Dio, è puro istinto, mentre lui invece è molto razionale; lei vive per la musica, lui per i numeri perché è molto dotato per la matematica, per lui i teoremi e i sistemi non hanno segreti.
Durante il viaggio i due si confidano, parlano del loro passato, dei loro sogni e inevitabilmente nasce l'amore. Ecco, questo preciso punto devo dire che mi ha spiazzato perché l'ho trovato molto affrettato,  il tutto è nato in troppo poco tempo, nella vita reale sarebbe folle.
Ma tra i due non è tutto rose e fiori perché la nonna nel frattempo denuncia la scomparsa di Bonnie, incolpando Clyde di rapimento! Per i ragazzi è un corri corri e un fuggi fuggi inseguiti dai media e dalla polizia.
In questo viaggio succede davvero di tutto: incontreranno personaggi singolari, vivranno situazioni al limite dell’impossibile affiancati sempre da segnali “divini” a cui Bonnie dà estrema importanza, ma che Clyde spiega invece attraverso teorie matematiche e paradossi bellissimi e che fanno riflettere.

Questa storia è un mix di emozioni, ho amato i due personaggi accomunati dal fatto di aver avuto un gemello e dal dolore della loro perdita.
Si percepisce molto la voglia di emergere e di riscatto dell’uno che fa a cazzotti con la ritrosia e il nascondersi dell’altra.
Ho odiato la nonna e la famiglia di Bonnie, per loro vista solo ed esclusivamente come una “gallina dalle uova d’oro” sin dalla tenera età, causandone così l’allontanamento dalla gemella malata per inseguire successo e soldi.

In questa storia c’è poesia, emozione e tanta tanta avventura, proprio come successe agli omonimi Bonnie e Clyde di tanti anni fa..ma quelli, però, erano delinquenti sul serio!
Mi è piaciuta inoltre l'originalità della storia, dei protagonisti e delle situazioni. Un libro divertente ma anche triste e profondo. Per niente scontato, ed è proprio bello sapere che esistono ancora libri in cui non si seguono i soliti stereotipi.
CONSIGLIATO!



REVIEW PARTY "CERCASI AMORE VISTA LAGO" di Virginia Bramati

04:28

Buongiorno amici! Ecco la nostra recensione per il review party di CERCASI AMORE VISTA LAGO! Non vi sarete mica persi le tappe del blogtour? Potete recuperarle nel post precedente!

Titolo: Cercasi amore vista lago
Autore: Virginia Bramati
Genere: Romanzo rosa
Data d'uscita: 19 settembre 2018
Numero pagine: 240
Prezzo cartaceo: 14,90 €
Prezzo ebook: 8,99 €
Editore: Giunti

Trama
Bianca Maffei: 33 anni, una laurea in architettura e una passione per i cantieri. Nonostante lavori in uno studio importante, non perde tempo in riunione con i capi, ma adora mettersi scarponcini e caschetto e andare dove le gru lavorano e i carpentieri danno forma allo spazio. Lei riesce a sentire la forma che la casa prenderà, a vederla quando ancora è fatta di pochi segni tracciati sul terreno, e questo la rende felice. Fino a che, con la crisi, non capita anche a lei di essere vittima di una ‘'riorganizzazione''...
Il solo lavoro che riesce a trovare è in un'agenzia immobiliare fuori città, nel paesino di Verate. Lascia così Milano per mettersi alle dipendenze del geometra Volpe, pittoresco individuo dalle cravatte sgargianti e dall'etica discutibile. Eppure, appena arrivata a Verate, Bianca trova per sé un incantevole abbaino con vista sul fiume, proprio sopra la mitica Osteria Moretti dove le oche bianche chiacchierano con gli avventori e basta ascoltare attentamente per sapere tutto quello che accade in paese.
Sarà proprio lì, all'ombra della plumbago in fiore, che Bianca scoprirà che cosa cercano davvero le persone, quando ''cercano casa'': e quanto pericoloso sia giocare senza scrupoli con i loro desideri. Armata solo del suo ''fiuto'' specialissimo, dovrà fare i conti con monolocali all'apparenza tristissimi, grandi metrature cui nessuno sembra interessato e con la terribile sensazione di essere finita in un vicolo cieco. Senza rendersi conto di essere invece partita per una grande avventura che la condurrà fino alla casa più meravigliosa che potesse immaginare...







Info autore
Virginia Bramati vive e lavora a Milano. E assomiglia molto, per tenacia e simpatia, alla protagonista del suo primo romanzo, Tutta colpa della neve! (e anche un po’ di New York). Il libro, nato come successo del passaparola in rete, nella versione cartacea riveduta e ampliata uscita per Mondadori è diventato uno dei bestseller dell’inizio del 2014. Nello stesso anno, sempre per Mondadori, è apparso il racconto di Natale “Meno cinque alla felicità!”, sempre ambientato nella magica Verate. Inoltre ha scritto e pubblicato “Un tuffo al cuore”, “il dritto è il rovescio del cuore” ( le ragazze di Verate vol. 0), “tutta colpa della mia impazienza : (e di un fiore appena sbocciato) (le ragazze di Verate vol.1), “ e se fosse un segreto?”.


Il libro è molto piacevole e scorrevole, un po’ troppo corto per i miei gusti personali, ma un bel finale che lascia spazio all’immaginazione del lettore.
L’inizio è molto descrittivo per quanto riguarda il mondo lavoro e dei cantieri edili.
L'autrice tratta ampiamente la situazione italiana lavorativa attuale; disoccupazione dilagante... molte aziende danno la colpa alla crisi e quindi i licenziamenti sono giustificati da essa... sfruttamento dei neo-laureati.
La protagonista Bianca è un architetto,ha 33 anni e lavora con questa prestigiosa ditta da 10 anni, cioè da appena laureata e ha fatto tanta esperienza sul campo; dedita al suo lavoro che svolge con amore e passione, inaspettatamente il suo datore di lavoro non le rinnova il contratto a tempo determinato,come ha sempre fatto durante la loro collaborazione in questi anni. Lei è scossa e scioccata in quanto l’azienda si è appena ingrandita e spostata in una struttura più ampia e costosa, ma il dott. Mattavelli esplica il concetto della crisi come scusa per il licenziamento di figure non strettamente necessarie nell’azienda. Gli architetti che collaborano in struttura sono due, oltre Bianca la sua migliore amica Irene,
Bianca scopre che Irene è l’amante del capo e il posto spetta a Irene non in quanto più brava,ma solo per questa tresca.
Bianca inizia a mandare curriculum in tutte le aziende, studi con il quale ha collaborato durante quegli anni di lavoro, ma tutti rispondo che c’è crisi e non hanno bisogno di assumere altro personale.
Rimane parecchi mesi disoccupata, non dice nulla ai suoi genitori, in quanto sa che il padre la obbligherebbe ad entrare nella sua azienda,che vende raccordi idraulici e lei non vuole andarci.
Quando vede che i suoi risparmi stanno per terminare chiede l'aiuto della gemella.

Dopo qualche giorno Eugenia chiama Bianca per dirle che ha trovato un lavoro a Verate, ma non come architetto, bensì come intermediario immobiliare.
Si abitua pian piano alla vita di Verate, più tranquilla della frenetica Milano e incomincia a collaborare con l’ingegnere Andrea Sanna che lavora per una multinazionale con sede a Londra, si è trasferito a Verate da più di un anno per stare vicino a suo fratello Giacomo che ha intrapreso un lungo percorso di fisioterapia per una malattia genetica rara.
La loro prozia lascia una grande villa a Sirmione in eredità ad Andrea e Giacomo che decidono di far diventare un hotel a 5 stelle,chiede a Bianca consigli per la ristrutturazione.
Durante la loro collaborazione nasce una storia inaspettata sia per Bianca che per Andrea, ma quando vede che le cose si stanno facendo troppe serie, Andrea scappa letteralmente a Londra,, avendo sofferto molto in passato e non avendo mai avuto una storia seria con nessuna donna. L'uomo nasconde un segreto delicato e drammatico... riuscirà a scoprirlo Bianca? Ma soprattutto, il loro amore vincerà?
Lo stile è fluido e il romanzo si legge davvero in poche ore. Una lettura piacevole e intrigante.
Mi è piaciuta come storia, da un piccolo insegnamento di vita ovvero non bisogna mai scegliere per gli altri pensando di farlo con amore, in quanto spesso lo si fa solo per paura ed egoismo.


Un bacio Peggy

PREMIO CAMPIELLO 2018 - LE ASSAGGIATRICI di Rosella Postorino

04:51
Avete mai sentito parlare del PREMIO CAMPIELLO? Quest'anno a vincerlo è stata Rosella Postorino con le sue ASSAGGIATRICI. Ma vediamo meglio di cosa si tratta...


Il Premio Campiello è un premio letterario italiano che viene 
assegnato annualmente ad un'opera di narrativa italiana edita nell'anno di riferimento (sono escluse le opere di saggistica).
Il Campiello è il risultato di un'iniziativa degli industriali del 
Veneto, nel 1962, per l'impulso della famiglia Valeri Manera. La cerimonia di premiazione viene effettuata a Venezia, solitamente nel Palazzo Ducale o al Gran Teatro La Fenice.

Il primo Premio Campiello fu assegnato l'anno successivo, nel 1963, al romanzo di Primo Levi, La tregua.


La 56ª edizione del Premio Campiello conquistata dalla scrittrice con 167 voti 
per «Le assaggiatrici»(Feltrinelli).

Le assaggiatrici è una storia violenta e fragile allo stesso tempo, basata sulla storia vera Margot Wolk, una delle assaggiatrici di Hitler, un gruppo di donne obbligate a testare il cibo che poi doveva essere servito al Furer, di modo da assicurarsi che non fosse avvelenato.
La storia, narrata in prima persona dalla protagonista, racconta le sue terribili giornate al servizio di Hitler. Erano povere e affamate, ma provavano poi disgusto nell'avere nella pancia il cibo del Furer. Così venivano poste, dalle guardie dell'SS, sotto controllo per almeno un'ora. Se nessuna di queste donne avesse manifestato dei problemi o addirittura non fosse morta, allora il cibo poteva essere servito al Furer.

Sullo sfondo dell'orrore nazista Rosella ci porta nel mondo di questa mensa forzata, in cui si creano alleanze, amicizie e rivalità.
Sorprendente l'arrivo del tenente Ziegler e di Hitler. Un intreccio studiato nei minimi dettagli, una storia imperdibile!
GRAZIE ROSELLA!



I 5 finalisti

La ragazza con la Leica di Helena Janeczek – Guanda



La galassia dei dementi di Ermanno Cavazzoni – La nave di Teseo

Mio padre la rivoluzione di Davide Orecchio – Minimum Fax 

Le vite potenziali di Francesco Targhetta – Mondadori

Le assaggiatrici di Rosella Postorino - Feltrinelli

BLOGTOUR "CERCASI AMORE VISTA LAGO" di Virginia Bramati - IL MONDO DEL LAVORO

00:16




Buongiorno lettori! Spero che in questi giorni abbiate seguito le varie tappe del blogtour di CERCASI AMORE VISTA LAGO, l'ultimo romanzo firmato da Virginia Bramati in uscita il 19 Settembre, dati in cui i nostri blog ospiteranno anche il review party!
La nostra protagonista, Bianca, è una tenace donna in carriera e all'interno dell'intreccio troviamo ampio spazio dedicato alla sfera lavorativa e ai ruoli sociali.
In questa tappa approfondiremo il tema del MONDO DEL LAVORO e soprattutto LAVORO:UOMINI VS DONNE.





Bianca Maffei: 33 anni, una laurea in architettura e... una passione per i cantieri. Nonostante lavori da qualche anno in uno studio importante, Bianca non perde tempo in riunione con i capi ma adora mettersi scarponcini e caschetto e andare dove le gru lavorano e i carpentieri danno forma allo spazio. Bianca riesce a sentire la forma che la casa prenderà, a vederla quando ancora è fatta di pochi segni tracciati sul terreno, e questo la rende felice. Fino a che, con la crisi, non capita anche a lei di essere vittima di una "riorganizzazione"... Il solo lavoro che riesce a trovare è in un'agenzia immobiliare fuori città, nel paesino brianzolo di Verate. Lascia così il centro di Milano per mettersi alle dipendenze del geometra Volpe, pittoresco individuo dalle scarpe squadrate e dall'etica discutibile. Eppure, appena arrivata a Verate Bianca trova per sé un meraviglioso abbaino con vista fiume, proprio sopra la mitica Osteria Moretti dove le oche bianche chiacchierano con gli avventori e basta ascoltare attentamente per sapere tutto quello che accade in paese. Sarà proprio lì, all'ombra della plumbago in fiore, che Bianca scoprirà i piani di un immobiliarista senza scrupoli. Sarà proprio da lì che partirà, armata solo del suo "fiuto" segreto, per una nuova avventura che la condurrà fino alla casa più meravigliosa che potesse immaginare...



Il lavoro, sin dai tempi più antichi, è stato considerato come una sorta di emancipazione sociale, tramite quest'ultimo infatti siamo in grado di ricoprire un determinato ruolo nella scala sociale e godere di una certa dignità. Dalla serie il lavoro nobilita l'uomo. 
Lavorare significa occupare il tempo nel fare qualcosa di produttivo, traendone un vantaggio generalmente economico. Infatti con il termine occupato si definisce lo status del lavoratore e, con il suo opposto, disoccupato, si definisce lo status di chi non ha un lavoro come un soggetto in cerca di una prima occupazione. Il lavoratore dipendente ha generalmente una controparte, con la quale instaura un rapporto di lavoro regolamentato tipicamente da un contratto di lavoro.
Il lavoro è il pilastro fondamentale su cui si basano le nazioni e le società. In Italia la Carta fondamentale tutela una serie di diritti dei lavoratori garantendo in particolare quelli delle fasce più deboli come le donne, infatti l'articolo 1 della Costituzione della Repubblica Italiana recita:


«L'Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro.»



DONNE E LAVORO OGGI: TROPPA DIFFERENZA TRA I DUE SESSI.
Le donne italiane, stando alle statistiche, ancora oggi sono soggette a discriminazioni nel mondo del lavoro, sia per quanto riguarda i compiti che la retribuzione. I dati Inps, del resto, confermano la situazione visto che nel 2011 la retribuzione media annua lorda nelle aziende private è stata di 21.678 euro per le donne contro i 30.246 euro degli uomini.

Sicuramente questa situazione ha radici ben più profonde, radicate quasi nella notte dei tempi, per cui la donna viene vista come un essere inferiore. E da qui andiamo a parare nell'antico discorso per cui era l'uomo che aveva il compito di alzarsi presto e andare a lavorare quotidianamente per portare un "pezzo di pane" a casa, mentre alla donna aspetta l'educazione dei figli e la cura della casa.
Nel tempo però le cose sono cambiate, dopo lunghi anni di lotta per l'emancipazione femminile, le donne hanno incominciato a lavorare, a non essere più viste come soggetti che si occupano esclusivamente di rassettare l'ambiente domestico, ma come soggetti in carriera! Anche l'uomo può stirare le sue camice e lavare le stoviglie.


L’Istituto nazionale di statistica dipinge un mondo del lavoro che parla solo al maschile, con uomini dagli stipendi maggiori rispetto alle colleghe e un aumento di lavoratrici irregolari e neo mamme senza occupazione dopo il parto.

MATERNITA' E LAVORO.

Una donna sue tre lascia il lavoro dopo la gravidanza... indici che calano esponenzialmente! E quando il bambino è ormai grande ed adolescente quest'ultime "perdendo il ritmo" non si sentono più di tornare al lavoro. Alcune si dedicano anche al part-time. 

In calo drastico, poi, le pensioni rosa nettamente inferiori rispetto a quelli degli uomini.


Sicuramente la questione della differenza tra UOMINI E DONNE, nel mondo del lavoro non può essere sanata con il mio articolo. Vari spunti che potrebbero tornare utili a ciascuno di noi sono in primis un diverso legame nel rapporto di coppia che consenta una visione più ampia della donna ed una ripartizione equa dei lavori domestici e degli impegni che riguardano la cura dei figli che non devono essere necessariamente scaricati alla madre. Di lì poi una successiva pari dignità lavorativa alla donna, con l'aumento pensionistico.

Ma a quanto pare la società odierna non si impegna in questo progetto...
Non vi resta che seguire la tappa di domani, in cui sarà l'autrice a parlarci del mondo di Bianca, con una splendida intervista!! Ci vediamo mercoledì per il review party!!

SEGNALAZIONE "RESPIRO NEL TUO ABBRACCIO" di Elena Lombardi

12:09

Buona sera lettori! Oggi esce in tutti gli store online il nuovo libro di ELENA LOMBARDI, Respiro nel tuo abbraccio. Un romance che vi farà sognare tanto quanto l'incantevole cover *-* curiosi di scoprire di cosa si tratta?





Titolo  Respiro nel tuo abbraccio            Autore  Elena Lombardi
Genere  Contemporary romance             Pagine  224
Data di uscita   14 Settembre                
Casa editrice  Self-publishing    
                                                                       




Sinossi
Un sequestro, un’attrazione che è evidente fin dai primi istanti…
Leonardo Marino, orafo professionista chiede giustizia a gran voce. L’unico obiettivo della sua vita, è scovare quello che una volta era un suo amico ma che poi si è rivelato essere un meschino calcolatore.
Rose Dauphine, fioraia bellissima, sembra essere l’unica che può aiutarlo a raggiungere i suoi scopi. Ex fidanzata di Stefan, è anche l’ultima persona che lo ha visto e che quindi può fornirgli preziose informazioni, ma lei è pronta a tenergli testa e soprattutto a proteggere la sua vita privata.
Prigionieri nel bosco di Filignano, insieme ai loro amici, i due impareranno a conoscersi, odiarsi, apprezzarsi tra discussioni e battibecchi. Una notte sotto le stelle cambia tutto tra loro.
Entrambi hanno un segreto da nascondere. Entrambi provano lo stesso autentico odio per Stefan, ma il destino è sempre pronto a sorprendere e capovolgere sicurezze e convinzioni. Un oggetto ritrovato da Leonardo e che le appartiene, gli farà aprire gli occhi sul suo conto. Ѐ la complice del suo peggior nemico.
Nonostante l’avversione, Rose sarà costretta a fidarsi del suo sequestratore indolente. Lui è anche l’unico che può proteggerla e farla respirare di nuovo, nel suo abbraccio.

Biografia.

Elena Lombardi, diplomata in Liceo delle Scienze Sociali, vive a Roccamandolfi in Molise.
Ha pubblicato due romanzi con la casa editrice Gruppo Albatros, partecipando a diversi premi e concorsi letterari. A Gennaio del 2017 pubblica con la Butterfly Edizioni il romanzo d’esordio “Sorpresi dal destino” che diventa subito un Best-seller su Amazon, piazzandosi in vetta alla classifica e vendendo più di 2000 copie. Con la stessa casa editrice, ha firmato un secondo contratto di edizione per un nuovo romanzo.
Ad Aprile del 2018 pubblica il romanzo “Altrove al centro del mare” in self-publishing.
“Respiro nel tuo abbraccio” è il suo secondo self.
Da sempre amante della letteratura ma anche del sociale, da Marzo 2017 gestisce la rubrica culturale “Note d’argento” sul giornale telematico di TeleAesse. Attualmente è concentrata sulla stesura dei suoi prossimi romanzi. La scrittura e la lettura sono le sue passioni più grandi.
Attende solo una svolta nella sua carriera professionale per rendere questo universo un lavoro a tutti gli effetti.

COVER REVEAL "TI PROMETTO LA FELICITA'" di Laura Cassie

03:48

Buongiorno lettori! Sono super felice di segnalarvi l'uscita del romanzo di una personcina tanto speciale conosciuta nel mondo dei booksblogger; stiamo parlando di Laura Cassie, con il suo freschissimo romanzo TI PROMETTO LA FELICITA', edito da LITERARY ROMANCE.

Quanto è bella la cover? Io me ne sono innamorata!


Nuova versione reloaded, nuovi contenuti, nuovo finale.

SINOSSI: 
Lorena ha subìto un grave incidente: è stata investita. Per lei è inevitabile, ora, avere il controllo
delle proprie giornate, delle ore, di qualsiasi attimo. Programma tutto, annotando con dovizia di
dettagli un diario che porta sempre con sé. Ha anche un blog, che aggiorna spesso, dove mette nero
su bianco le emozioni, certa che il suo passato non sia poi così diverso dagli utenti che la seguono.
Per lei, giovane commessa, nulla può essere lasciato al caso, pena la solitudine.
Un giorno, uscendo dal negozio in cui lavora, è letteralmente travolta da un tizio che fa jogging. Si
tratta di Matt, un musicista, soffocato dalla recente perdita di un amico e arrabbiato con Dio oltre
che con se stesso. Ha bisogno solo di ricominciare, di aprire di nuovo gli occhi e lasciare che torni a
scorrere in lui la voglia di vivere e, perché no, innamorarsi.
A seguito del loro scontro, Lorena perde il diario e, sorprendentemente, tutti i sogni, i desideri che
ha annotato, iniziano ad avverarsi un po’ per volta…



ABOUT THE AUTHOR:

Laura Cassitto nasce a Torino il 26 ottobre 1993 e, sebbene abbia trascorso tutta la vita circondata dai paesaggi piemontesi, il legame con le sue terre di origine non l’ha mai abbandonata. Infatti, tra i suoi fitti capelli ricci e la carnagione scura, risplendono i profumi e i colori del sud Italia. Laura si appassiona ben presto alle parole e, crescendo, si immerge sempre di più nei romanzi e nelle storie da essi raccontate. Nel 2015 decide di aprire un blog letterario, “Lettrice Abusiva”, per condividere questa sua grande passione con tutti gli amanti della letteratura. Nello stesso anno, intraprende un percorso da autrice con lo pseudonimo L. Cassie.
Per la Literary Romance fa il suo esordio con un romanzo romantico e intenso.


Quanto eravamo dolci e pucciose io e Laura al Salone di Torino? *-*




Estratti


LUI - Esiste la casualità? Credo che se alcuni avvenimenti un po’ insoliti accadono, un motivo ben preciso ci deve essere. Un po’ come Peter Howitt, il regista di Sliding Doors, che ha brillantemente spiegato nel suo film di come, comunque vadano le cose, al destino non si sfugge. Non so se si tratti veramente di destino, non mi ritengo abbastanza ferrato sull’argomento per stare qui a esprimere teorie in merito, ma mi piace pensare che le coincidenze siano dei piccoli segnali che qualcuno da lassù vuole inviarci.
Insomma, faccio cadere a terra una ragazza rovesciando il contenuto della sua borsa, raccolgo tutto meno che la sua preziosa agenda che ritrovo poco dopo e, come se tutto ciò non fosse sufficientemente bizzarro, me la ritrovo in prima fila a un mio concerto.
Vogliamo chiamarle coincidenze? Perfetto, chiamiamole pure così, ma non posso non notarle e non andare incontro a ciò che l’universo sta cercando di dirmi. Devo conoscere questa ragazza e nel male delle ipotesi, mi sarò solo sbagliato.


LEI - Mi piace osservare le persone, studiarne le espressioni, i gesti, e Matteo mi affascina sotto questo punto di vista, proprio perché non è semplice capire ciò che prova. Una cosa però mi ha colpito, un particolare che conosco molto bene: il dolore. Sta soffrendo per qualcosa, i suoi occhi parlano per lui e, purtroppo, so riconoscere certe sfumature negli sguardi perché sono le stesse che scorgo nei miei quando, davanti a uno specchio, cerco di ignorarle. Ed è per questo che devo mantenermi a debita distanza, non sono la persona adatta a condividere o vivere certi tormenti: avrebbe bisogno di qualcuno che lo faccia sorridere mentre io, le persone, posso solo farle piangere.