NEWSLETTER

Lettori fissi- ISCRIVITI!

lunedì 16 luglio 2018

SEGNALAZIONE "THE HOUSE OF ANGELS" di Emmanuelle Rain

luglio 16, 2018 0 Comments

Buongiorno readers, iniziamo al meglio la settimana con una nuova segnalazione! Emmanuelle esordisce nel panorama editoriale con un urban fantasy, genere che in molti amiamo e sicuramente di difficile stesura. Ma andiamo a vedere nei dettagli di cosa tratta THE HOUSE OF ANGELS.


Titolo: The house of angels - Old soul -
Autore: Emmanuelle Rain
Categoria: Urban fantasy/Paranormal romance
Pagine 225
Ebook 3,49 €
Cartaceo 9,99 €
Link di acquisto:
     

(Disponibile anche su IBS, Google Play, ecc...)

About the author:
Emmanuelle Rain nasce il 3 aprile del 1981 a Roma.
Trascorre la sua infanzia in una soleggiata cittadina sulla costa tirrenica laziale, per poi trasferirsi, all’età di quattordici anni, in un piccolo paesino montano del centro Italia.
Appassionata di arte e disegno, decide di frequentare l’istituto d’arte in un paese dei Castelli Romani, dove ancora oggi risiede con il compagno ed il figlio.
Il suo interesse per la scrittura nasce molto presto, con la composizione di poesie e di due manoscritti, ancor prima della maggiore età.
The house of angels-old soul, è il suo primo romanzo proposto al pubblico.
A questa seconda edizione, che vede molti approfondimenti rispetto alla prima, seguirà il secondo romanzo della serie, dal titolo: The house of angels- love found, attualmente in fase di stesura.
Altri libri in lavorazione:
  •  Come il vento tra gli alberi.
  •  The white moose.



Sinossi:
Magdaline Spencer è una ragazza con una vita difficile alle spalle, una madre morta prematuramente ed un padre alcolizzato, che per pagare i propri debiti, la vende al miglior offerente.
A salvarla arriva Jessie Fitzpatrik, Jess, un angelo che per aiutarla rinuncia alle sue ali, promettendo però di non vederla mai più.
Grazie ai suoi poteri medianici, Magda entra in contatto con Mori, un angelo morto durante uno scontro con i demoni, che le chiede di avvertire del pericolo i suoi compagni della casa degli angeli.
Le strade di Magda e Jess si intrecceranno ancora una volta, sullo sfondo di una Chicago misteriosa, dove angeli e demoni la fanno da padroni, non visti, tra la gente… ma a complicare le cose arriva Billy, un demone, che infatuatosi della ragazza, non renderà la loro vita facile.

domenica 15 luglio 2018

RECENSIONE "BELLEZZA CRUDELE" di Rosamund Hodge

luglio 15, 2018 1 Comments

Buona domenica miei cari lettori! Oggi vi voglio parlare di un libro che è entrato nel mio cuore, forse anche colpa del il mio amore per le rivisitazioni fiabesche... stiamo parlando di BELLEZZA CRUDELE di Rosamund Hodge.
Di questo romanzo ho letto pareri contrastanti, non tutti l'hanno adorato, alcuni dicono per l'eccesso di descrizioni, accozzaglia di elementi storici e fantasy. E forse è vero, il mondo della Hodge è unico e imprevedibile, ma anche molto complesso. In alcuni punti si potrebbe avere l'impressione che ci sia troppa carne al fuoco, ma questo romanzo ha un posto particolare nella mia libreria proprio per questo rapporto AMORE/ODIO. In fondo basta questo, no? Che la storia susciti sentimenti negativi o positivi non importa... è già degno di nota che li abbia almeno provocati!
Ma procediamo con ordine e vediamo la scheda informativa e poi VIA ALLA RECENSIONE!


   Bellezza crudele

Editore: Newton Compton

Collana: Vertigo

Prezzo: Cartaceo 9,90, edizione insuperabile 5,90, ebook 3,99€

In commercio dal: 08/10/2015

Pagine: 277 p., Rilegato

Una favola d'amore a cinque stelle

Cruel Beauty Series
La sua missione è ucciderlo, ma il suo destino è amarlo


Sinossi: Costretta a fidanzarsi con il malvagio governatore del suo Regno, la giovane e determinata Nyx sa che il suo destino è sposarlo, ma per coronare il suo sogno più segreto: ucciderlo e liberare finalmente il popolo dal giogo di quella crudele tirannia.
Eppure nel giorno del suo diciassettesimo compleanno – quando la ragazza si trasferisce con lui nel castello sulla cima più alta di tutto il Paese – capisce che nulla è come se l’era aspettato, soprattutto il nuovo marito, incredibilmente affascinante e seducente. Lei sa che deve salvare la sua gente a tutti i costi, eppure resistere al suo nemico giurato sta diventando sempre più difficile perché lui è ben deciso a conquistare il cuore della giovane sposa…


About the author: Rosamund è cresciuta a Los Angeles e da ragazzina leggeva qualsiasi libro le capitasse a tiro, in particolare quelli di mitologia e di genere fantasy. Laureata in Letteratura inglese all’Università di Dallas, ha conseguito una specializzazione in Letteratura Medievale a Oxford. Vive a Seattle. Il sentiero del bosco incantato segue il formidabile successo di Bellezza Crudele. Per maggiori informazioni, visitate il suo sito: www.rosamundhodge.net.


Nyx è la giovane e caparbia protagonista del nostro romanzo, che sin da piccola è consapevole di avere i giorni contati... il suo destino è segnato.
Anni prima suo padre fece un accordo con il Signor Gentile, il demone che governa il loro mondo, noto come il Signore dei patti, per far si che sua moglie avesse un figlio. Le bambine sarebbero poi state due, ma una tra queste sarebbe diventata la moglie del Signor Gentile. Ecco il pegno da pagare.
Inutile dire che le cose non andarono secondo i piani, poiché la madre morì subito dopo il parto.

Nyx è cosciente che deve vendicare il suo popolo dalle tenebre, ma è anche consapevole di essere la menoamata. Non riesce a capacitarsi del perché è stata scelta lei e non la sorella, che invece viene protetta in una bolla di sapone.
Giunto il giorno del suo matrimonio la giovane si presenta al castello, ma il Signor Gentile si rivela essere tutt'altro che un mostro. Più umano di quanto si potesse pensare.
Ignifex è il soprannome che gli viene dato da Nyx.
Il demone si dimostra stranamente gentile con la sua nuova moglie, forse capendo che c'è qualcosa di diverso in lei. Quel pizzico di cattiveria che le sue precedenti otto mogli non avevano. O almeno così crede.

emma watson twirl GIF by Beauty And The BeastL'intreccio è molto simile alla Bella e la Bestia; lei rinchiusa nel castello, l'ombra di Ignifex, Shade, che si occupa di lei un po' come avrebbero fatto i domestici della fiaba, il fatto che non possa avere accesso ad ogni stanza del castello, Ignifex che la salva da un attacco mortale (non vi faccio spoiler).
Ma subentrano altri elementi, che sembrano confondere il lettore e che non hanno certo a che fare con il rimando alla Bella e la Bestia o al mondo di Bellezza Crudele, e quindi ritorniamo al fatto di troppa carne al fuoco. Ma sicuramente possiamo sorvolare su questo.

Lo stile risulta essere molto complesso e pomposo e di certo non ci si annoia mai. L'intreccio si rivela ben articolato.

La storia di Ignifex e Nyx non può che non appassionare il lettore, un rapporto AMORE/ODIO sulla scia dell'impossibile. Nyx deve uccidere Ignifix, che incarna il male assoluto, il suo peggior nemico, ma qualcosa in lui rapisce il suo cuore. Il modo in cui la stuzzica, la sua bellezza disarmante, per poi scoprire che Ignifex non è forse così malvagio come si pensa; la prima vittima di se stesso.

the vampire diaries kiss GIFIl vero nome del demone non viene mai rivelato, poiché se solo Nyx lo indovinasse allora si che il mondo cambierebbe. In caso contrario, se anche solo tentasse di indovinarlo e fallisse, allora sarebbe la morte.
Sul filo del proibito tra i due sembra nascere qualcosa.

La Hodge crea un mondo complesso, capace di rapirti e ad ogni pagina, ad ogni rivelazione, sei sempre più curiosa di arrivare al finale! Un finale anch'esso ben articolato e che non può che non lasciarti senza fiato.

Consiglio assolutamente questo romanzo per gli amanti del fantasy con sfumature rosa, ma sopratutto per chi, come me, ama le rivisitazioni delle fiabe! 
Sicuramente l'autrice è più concentrata sulla creazione dei mondi fantastici e di grandi suggestioni, ma la storia di Nyx e Ignifex riesce a sottrarti di ogni spiegazione!

«Saremo sempre sciocchi», continuai, «e malvagi e crudeli. Non saremo mai al sicuro l’uno con l’altra».«Non provare a essere troppo felice di questo». Intrecciò le dita alle mie.«Ma fingeremo di sapere come si fa ad amare». Gli sorrisi. «E un giorno, lo impareremo davvero».

mercoledì 11 luglio 2018

COVER REVEAL "LA MIA SCOMMESSA SEI TU- 2" di Manuela Ricci

luglio 11, 2018 0 Comments

Buongiorno readers! Oggi ho il piacere di segnalarvi l'uscita del secondo volume della The Bruins Series, stiamo parlando de La mia scommessa sei tu- 2 , di Manuela Ricci.
Premetto che da oggi il libro sarà in pre-order su amazon ad un prezzo di lancio di 0,99€ !!




TITOLO: La mia scommessa sei tu 2 – secondo volume di una trilogia “The Bruins Series” AUTRICE: Manuela Ricci 
GENERE: Romance Sport Young Adult 
DATA D’USCITA: 25 luglio 2018
PAGINE: 450
PREZZO: ebook 0,99€ - cartaceo 9,90€ 


TRAMA: …E continui a rischiare tutto quello che hai solo per lei. Da quado Carrie è arrivata alla Ucla, da quando ha incontrato il quarterback più popolare dei The Bruins, non è riuscita a mantenere la promessa fatta a sé stessa: stare alla larga dai ragazzi come Logan James Johnson. Ma lui riesce a leggerle dentro, vede il dolore del suo passato che le sferza lo sguardo, vede quelle lacrime silenziose, e anche se Carrie è pronta a tutto pur di tenerlo lontano da quell’amara verità, Logan non è disposto a perdere la partita più importante della sua vita. Con l’aiuto degli investigatori che lavorano per suo nonno, inizia a scavare nel suo passato, mentre cerca di rientrare nella vita di Carrie a piccoli passi. Non può rinunciare a quel per sempre che sente vibrare ogni volta che i loro corpi si sfiorano. Ma non esiste amore senza complicazioni, Logan non sa che ciò che nasconde Carrie finirà per sconvolgere entrambi, dovranno prendere delle scelte che metteranno nuovamente a repentaglio il loro rapporto, quello in cui credono e tutto ciò che li circonda. Ogni cosa verrà messa in discussione, rotti, ma rotti insieme cercheranno di correre insieme o divisi verso la meta del loro destino? 

ESTRATTO: Le porte dell’ascensore si chiudono alle sue spalle, e restiamo bloccati, sospesi, incastrati nelle nostre vite che continuano a scivolarci addosso, a sfiorarsi senza toccarsi davvero. Chiusi, isolati da un mondo che non sento più urlarmi con i suoi rumori. Chiusi senza un cielo che copra le nostre teste. Chiusi solo nei nostri sguardi. Il suo respiro profuma di alcol, ma non è questo ad ubriacarmi, è Logan ad avere questo potere. Lui con i suoi occhi che si arrampicano sul mio volto, si soffermano sulle mie labbra, che trattengo fra i denti, raggiungono i miei, e mi entrano dentro da togliermi il respiro. Scorrono dentro, sfiorano ogni parte nascosta in silenzio, galleggiano fra i miei pensieri, e mi spogliano della mia anima, come ha sempre fatto. Senza chiedere, senza che me ne accorgessi, ha letto dentro di me. Si è preso le mie paure, il mio dolore, e io? Io mi sono presa talmente tanto di lui, per poi fermare il tempo. Sentire lo scoccare dei secondi echeggiare nelle orecchie, e vedere che di Logan, mi era rimasta solo la sua costante assenza, solo il vuoto che di noi ho saputo segnare su entrambi. «Ripetilo.» La voce roca, graffia la mia pelle che sento bruciare. «Te Logan.» Deglutisco a fatica, come se avessi sabbia a depositarsi sulla lingua, e ripeto: «Te Logan, sono venuta a prendermi te.» 

BIOGRAFIA AUTRICE: Manuela Ricci, nasce a Olbia il 20 maggio del 1984. Vive a Budoni un paesino turistico situato sulla costa orientale della Sardegna. Da ragazza frequenta il liceo classico, ma la sua più grande passione resta la scrittura. Fin da adolescente non fa altro che riempire il suo portatile di storie, finché un giorno, si imbatte su una piattaforma on line, Wattpad, dove poter far leggere a qualcuno le sue storie. Dopo, un anno i suoi primi romanzi UN AMORE PROIBITO , appartenente ad una trilogia, in soli tre mesi, il primo volume vende oltre mille copie e vince ad un concorso on line, votato dai lettori, il riconoscimento come la storia più originale del 2017. Madre di un bambino di sette anni, non abbandona la sua passione, e divide le sue giornate per essere una madre e una moglie di giorno e una sognatrice che dà vita ai suoi personaggi di notte. Con LA MIA SCOMMESSA SEI TU sfida sé stessa per trasportare il lettore nel mondo del Romance Sport. 


Nel caso in cui vi foste persi il primo volume, qui trovate una scheda dettagliata della storia che precede La mia scommessa sei tu - volume 2.


TITOLO: La mia scommessa sei tu – primo volume della trilogia “The Bruins Series” 
AUTRICE: Manuela Ricci 
GENERE: Romance Sport Young Adult 
DATA D’USCITA: 24 giugno 
PAGINE: 382 
PREZZO: ebook 0,99€ - cartaceo 9,90€ 


TRAMA: Quando l’amore diventa un gioco pericoloso… Logan James Johnson, tra i ragazzi più popolari della UCLA Bruins University, può avere tutto ciò che vuole servito su un piatto d'argento. Essere la stella del Football del Campus, gli ha aperto molte più porte di quanto potesse mai immaginare. Avere una ragazza che cada ai suoi piedi, grazie al suo sguardo magnetico, non è di certo un problema, come non lo è, essere circondato da amici, e partecipare a serate di Gala per l'importanza del suo prestigioso cognome. Ma dietro il suo sorriso ammaliante, e quei modi spavaldi, si nasconde la tristezza per ciò che lo attende una volta terminati gli studi. Un incontro casuale e fastidioso con Carrie Murphy, una matricola appena arrivata alla UCLA, lo porta a distrarsi da quel pensiero sempre fisso nella sua testa. Lei sembra diventare quasi un’ossessione per Logan, il ragazzo da zero-impegni-solo-sesso. Non riesce a togliersi dalla mente quello sguardo, la sua voce irritante, e il modo di arricciare quella bocca così carnosa. Si sente in qualche modo legato a lei, senza riuscire a capirne bene il perché. Una scommessa contro sé stesso, per dimostrarle che ciò che precede la sua fama, non è il reale riflesso con il quale Carrie si trova costantemente a scontrarsi. Ma Carrie non è come le altre ragazze, che hanno riempito l'agenda personale di Logan. Lei ha solo tempo per lo studio, per raggiungere il sogno di laurearsi in medicina, e la sua promessa, è proprio quella di mantenere le distanze dai ragazzi come Logan James Johnson. Ma sarà solo questo il motivo per cui Carrie cerca disperatamente di stargli alla larga, di evitarlo o forse c’è dell’altro? Una corsa per segnare il touchdown più importante della sua vita, ma se la palla gli sfuggisse di mano proprio ad un passo dalla meta? 
LA STORIA CHE HA INCANTATO QUASI 4 MILIONI DI LETTORI SULLA PIATTAFORMA WATTAPD, ARRIVA SU AMAZON IN UNA VERSIONE DEL TUTTO INEDITA. 

ESTRATTO: «Mi stai facendo annegare.» Le parole escono da sole, cariche di desiderio, lussuria, un turbinio di emozioni che ci piovano addosso. Afferro una ciocca dei suoi capelli morbidi con la mano libera, e piccoli cerchi prendono vita su di lei, posso sentire i brividi accompagnarmi in questa danza lenta, estenuante che non riesco a controllare, a fermare, l’aria attorno a noi sembra essere stata risucchiata, insieme ai nostri respiri che restano sospesi fra di noi, a pochi millimetri dalle nostre labbra che fremono. «Non lo so perché, ma è così, con te è come annegare ogni volta che mi guardi, mi manca il respiro, la forza di sbattermene dei tuoi modi irritanti, perché sono la parte di te che preferisco…» trattengo una risata. «...o per meglio dire, una delle parti di te che preferisco.» Non siamo in un ripostiglio, non siamo al Campus, siamo sospesi in un luogo che non conosciamo, ci stiamo addentrando in qualcosa che per lo meno io non conosco, una parte di me, grida di andarmene, di starle lontano, ma non posso spostarmi, non ci riesco, è come un filo sottile che mi tiene incatenato a lei. «Logan», sussurra il mio nome in un modo che mi fa percepire una leggera crepa che si sta facendo spazio nella sua corazza. Mi sporgo più vicino al suo volto, il suo respiro accelera, è come una sferzata di vento che mi travolge. «Carrie» mormoro, facendo fluttuare lo sguardo dalla sua bocca ai suoi occhi. Fermami ora, fermami, in qualche modo glielo sto dicendo, la sto forse implorando per entrambi, ma quando annullo ogni distanza, trovo la sua guancia ad accogliere le mie labbra. Un gemito strozzato, quasi disperato, mi esplode in gola, colmando lo spazio intorno a noi. Premo il palmo della mano contro il legno della porta per sorreggermi dal sapore amaro della sconfitta, della perdita di qualcosa che non ho mai avuto, e mi domando se sia possibile desiderare tanto qualcosa da volerlo evitare allo stesso tempo? «Scusami…se per te è come annegare, io sono sott’acqua da troppo tempo per riuscire a riemergere.»

martedì 10 luglio 2018

RECENSIONE "DIPHYLLEIA" di Valentina Bonci.

luglio 10, 2018 0 Comments

Oggi Francesca ci parlerà di DIPHYLLEIA, un libro che le è stato particolarmente a cuore... scopriamo insieme il perché!

Diphylleia. Il ricordo

Valentina Bonci

Editore: & MyBook
Prezzo: 9,72€
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 01/01/2017

Salve a tutti lettori,
Oggi vi porto una recensione di un libro che mi è attualmente molto vicino insieme all'autore. 
Il libro in questione è "Diphylleia" , firmato da Valentina Bonci, ma scritto realmente da Elia Bonci.
Allora, partiamo dal tema: la battaglia che Elia sta intraprendendo è una battaglia molto importante, ossia quella contro l'omofobia. Il tema nel libro è presentato in modo palese e introdotto all'interno di un contesto particolare che accompagna il lettore e lo incuriosisce mano mano. Ho apprezzato molto questa caratteristica, in quanto è riuscito a creare in me una certa e particolare empatia.
La storia raccontata da Elia è una storia di violenza, coraggio, determinazione e amore. Racconta l'odio e la passione, l'amicizia e la solidarietà, la paura e il ricordo. 
 Devo sottolineare una cosa: SCRIVERE UN LIBRO CHE TRATTA UNA TEMATICA COSÌ FORTE NON È SEMPLICE. 
Riuscire a rimanere ben saldi, a portare avanti le proprie idee in questo modo è segno non solo di grande determinazione, ma anche di grande amore per quello che si fa.
Elia è riuscito a trattare il tutto con un certo tatto e io voglio sostenerlo proponendovi questo: COMPRATE IL SUO LIBRO, DISPONIBILE IN DIGITALE E CARTACEO PER DIFFONDERE LA SUA BATTAGLIA.
Voglio dirvi due parole sull'autore: penso si sia chiarito dall'intro dell'articolo, Elia è un ragazzo transgender che vive in prima persona le tematiche trattate nel libro. Non stiamo parlando del solito autore che sfrutta le tendenze del momento per trattare di una argomento importante, attuale e scottante come l'omofobia, ma stiamo parlando di un protagonista di tutto questo. Lui sta vivendo le cose che racconta e per questo io voglio ringraziarlo. Voglio ringraziarlo perchè attraverso le sue parole ci sta rendendo partecipi della sua storia e del suo mondo.
Ora, passiamo alla parte più tecnica: la sintassi e il lessico sono semplici e corrette (cosa non scontata quando si parla di libri di autori emergenti). Un piccolo inciso puramente personale: non ho molto apprezzato le uscite metaforiche presenti in tutta la narrazione. Le ho trovate molto forzate in quanto non lineari al contesto, ma questa è una mia personale opinione (già detta anche all'autore).  
Detto questo, io concludo. 
Grazie a tutti per l'attenzione!



Sei un lettore, un emergente blogger o hai voglia di aprire un blog, ma vorresti fare gavetta? Manda un'email nel box "modulo di contatto" e sottoponici una recensione o articolo libresco. Se il tuo stile è conforme alle linee del blog saremo felici di pubblicare l'articolo e/o affidarti del materiale su cui lavorare. Vi aspettiamo.

lunedì 9 luglio 2018

SEGNALAZIONE "HERE" di Rory Scorpiniti

luglio 09, 2018 0 Comments
Riparte la rubrica segnalazioni, ma stavolta in maniera più "originale". L'autrice in questione è Rory Scorpiniti, che con il suo "Here" ,autopubblicato, aveva conquistato un bel pubblico di affezionate lettrici; sta per portare il suo romanzo in libreria con un'edizione rivista edita Leone Editore e sarà in libreria dal 12 Luglio.
Qui di sotto vi allego il banner ufficiale in cui potete trovare tutte le info sul romanzo e i dati per l'acquisto!
Fossi in voi non mi perderei questa romantica uscita!


RECENSIONE "RENE' DUBOIS E LA VITA AI TEMPI DI DARIO MANCUSO" di Giulia Campinoti

luglio 09, 2018 0 Comments
Buongiorno lettori! Finalmente ho terminato la maturità e devo dire che sono piuttosto soddisfatta. Ancora stento a crederci, ma finalmente posso dedicarmi completamente al blog e ai miei proggettini librosi! Quindi non perdiamoci in chiacchiere...
Oggi parleremo del romanzo d'esordio di Giulia Campinoti René Dubois, la vita ai tempi di Dario Mancuso.

Renè Dubois. La vita ai tempi di Dario Mancuso

Giulia Campinoti

Prezzo: 15.00€ (cartaceo)
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 17/11/2017
Pagine: 180 p., Brossura


Partiamo con il dire che a livello di impaginazione è stato fatto un ottimo lavoro, mi piace molto la scelta di inserire delle illustrazioni in bianco e nero, a fine di ogni capitolo, che in qualche modo rimandano a ciò che si è scritto nelle pagine precedenti.

 movie women al pacino godfather the godfather GIFLa storia è ambientata in Sicilia e molti di voi sanno che io abito proprio in questa regione! Ero davvero curiosa di capire come l'autrice abbia messo in scena i fatti, sullo sfondo della magica Trinacria.
Ebbene si, posso confermare che è riuscita nell'impresa. Leggendo, ho sentito i profumi, gli odori, le sensazioni, del paesaggio siculo; il calore delle persone, l'afa estiva.

Cosa potrebbe succedere se di colpo la storia della tua vita fosse "a rischio" ?
Dario e Mirko sono due amici come tanti, il loro sentimento di affetto è duraturo nel tempo e niente sembra scalfire o poter minacciare in qualche modo la loro complicità.

Quando Dario però è adulto riceve una misteriosa lettera... ed è proprio in quel momento che la sua vita prenderà una piega inaspettata. (Vi evito gli spoiler).

L'esistenza di qualcuno a lui molto caro si macchierà di sangue. Sono presenti numerosi colpi di scena elementi di mistero, ma non confondiamo questo libro con una crime novel! Piuttosto l'intento dell'autrice è quello di evidenziare la fragilità dei legami umani.

Lo stile è semplice e lineare, un buon esordio e un intreccio studiato, costellato dalla contrapposizione di una vasta gamma di emozioni!

giovedì 5 luglio 2018

RECENSIONE "PARIGI E' SEMPRE UNA BUONA IDEA" di Nicolas Barreau

luglio 05, 2018 0 Comments
Salve a tutti lettori, oggi vi propongo Parigi è sempre una buona idea di Nicolas Barreau.
E’ la prima volta che leggo un libro dell'autore in questione, mi ha piacevolmente sorpreso




Titolo: Parigi è sempre una buona idea

Autore: Nicolas Barreau

Genere: romanzo rosa

Editore: Feltrinelli 2015

Pagine: 272

Prezzo: E-book 6,99 € , cartaceo 9,00 €




Trama

Parigi è sempre una buona idea, si sa. Innamorati o no, vale sempre la pena di fare una passeggiata per le vie della Ville Lumière. Lì, in rue du Dragon, ci si può imbattere in un piccolo negozio con una vecchia insegna di legno, un campanello d'argento démodé sulla porta e, dentro, mensole straripanti di carta da lettere e cartoline illustrate: la papeterie di Rosalie Laurent. Talentuosa illustratrice, Rosalie è famosa per i biglietti d'auguri personalizzati che realizza a mano. Ed è un'accanita sostenitrice dei rituali: il café crème la mattina, una fetta di torte au citron nelle giornate storte, un buon bicchiere di vino rosso dopo la chiusura della papeterie. I rituali aiutano a fare ordine nel caos della vita, ed è per questo che ogni anno, per il suo compleanno, Rosalie fa sempre la stessa cosa: sale i 704 gradini della Tour Eiffel fino al secondo piano e lancia in aria un biglietto su cui ha scritto un desiderio. Ma finora nessuno è mai stato esaudito. Tutto cambia il giorno in cui un anziano signore entra nella papeterie. Si tratta del famoso scrittore per bambini Max Marchais, che le chiede di illustrare il suo nuovo libro. Rosalie accetta e ben presto i due diventano amici, La tigre azzurra ottiene premi e riconoscimenti e si aggiudica il posto d'onore in vetrina. Quando, poco tempo dopo, un affascinante professore americano, attratto dal libro, entra in negozio, Rosalie pensa che il destino stia per farle un altro regalo. Ma prima ancora che si possa innamorare, ha un'amara sorpresa.


About the author

Nicolas Barreau sarebbe nato a Parigi nel 1980 da madre tedesca e padre francese. Laureatosi alla Sorbonne in Lingue e letterature romanze, avrebbe lavorato in una libreria sulla Rive Gauche prima di dedicarsi alla scrittura. Ha scritto sei romanzi, tutti pubblicati da un piccolo editore tedesco che non ha potuto permettersi di lanciarli con una massiccia campagna promozionale, ma che ciononostante hanno ottenuto un ottimo successo, cresciuto sempre più soprattutto grazie al passaparola dei lettori. è uno scrittore immaginario, a cui sono attribuiti quattro romanzi d'amore pubblicati dalla casa editrice tedesca Thiele & Brandstätter. La sua fama è legata in particolare al terzo romanzo, Gli ingredienti segreti dell'amoreche ha venduto oltre 150 mila copie in Germania ed è stato al primo posto delle classifiche italiane per quattro mesi.
La falsa identità dell'autore è stata denunciata dal giornalista Elmar Krekeler in un articolo pubblicato su Die Welt in cui viene analizzata la tendenza delle case editrici tedesche a creare autori fittizi per la pubblicazione di nuovi romanzi scritti in base ad analisi di mercato. Secondo lo scrittore Norbert Krüger, il personaggio di Nicolas Barreau è stato creato dalla casa editrice per sfruttare il favore di pubblico ottenuto dagli autori francesi in Germania.

Opere
·         Die Frau meines Lebens, 2007.
·         Con te fino alla fine del mondo, 2008, Feltrinelli.
·         Gli ingredienti segreti dell'amore, 2010, Feltrinelli.
·         Una sera a Parigi , 2013, Feltrinelli.
·         La ricetta del vero amore, 2014, Feltrinelli.
·         Parigi è sempre una buona idea,2015, Feltrinelli.
·         La tigre azzurra, 2016, Feltrinelli.
·         Il caffè dei piccoli miracoli, 2017, Feltrinelli.

Il libro è molto scorrevole,piacevole nella lettura,ci sono molti termini che sono stati volutamente lasciati in francese per rendere meglio le scene e la descrizione di particolari posti,oggetti,cibi così da calare completamente il lettore nell'ambiente parigino. Personalmente non avendo studiato il francese mi risultava a volte difficile capire come si leggessero o il significato, quindi dovevo andare a cercare le parole sul dizionario, ma a parte questo piccolo mio imbarazzo, mi è piaciuto nel complesso!

Rosalie, la protagonista, una donna sognatrice e amante della pittura e dell'azzurro in tutte le sue tonalità e sfumature, molto abitudinaria nei gesti, che sono quasi dei rituali giornalieri. E' fidanzata e convive con René, un bel ragazzo, personal trainer, amante del fitness e dell'alimentazione sana ed equilibrata. L'opposto di Rosalie che ama mangiare croissant,bere vino,cafè crème.
Sono gli antipodi e nell'ultimo periodo i rapporti sembrano molto statici tra i due. 

Un giorno si presenta il famoso scrittore per bambini Max Marchais, che offre a Rosalie l'opportunità di illustrare il suolibro appena terminato. Rosalie accetta entusiasta la proposta e pensa anche ad una svolta lavorativa importante. 
La loro collaborazione va a gonfie vele e i due entrano subito in sintonia tanto da diventare amici, anzi Max la definisce quasi una figlia, non avendone una.
Il libro "La tigre azzurra" spopola in  tutte le librerie e Rosalie lo espone nel suo negozio Luna Luna, una papeterie (una cartoleria speciale in quanto personalizza i biglietti d'auguri a mano in base ai gusti dei clienti.)

Un giorno Robert Sherman va a Parigi per capire cosa vuole fare nella sua vita e decidere se accettare l'incarico come prof. di letteratura inglese,alla prestigiosa università francese la Sorbona ed è in crisi con la sua fidanzata Rachel.
Passa in rue de Dragon dal negozio Luna Luna di Rosalie e vede in vetrina il libro La tigre azzurra,rimane attonito qualche minuto,poi entra come una furia e accusa Rosalie di plagio in quanto ritiene che il libro sia suo. Da quel momento ci sono una serie di vicissitudini che porteranno Robert e Rosalie a chiarire i dubbi circa l'origine di questa storia che Robert sostiene sia sua, o meglio inventata dalla sua mamma defunta da poco tempo a causa di una malattia. Ed è proprio quella storia che gli è stata raccontata dalla madre ogni sera, prima di andare a dormire.
Rosalie pensa che il destino stia per farle un altro regalo. Ma prima ancora che si possa innamorare, ha un'amara sorpresa.
Il finale vi lascerà spiazzati! E ovviamente non possiamo anticiparvelo. Cosa ne sarà di Tigre Azzurra?



Un caloroso saluto Peggy.



giovedì 28 giugno 2018

Marina & Ulay, la storia infinita - Le pillole d’arte di Martina Casati

giugno 28, 2018 0 Comments
Le pillole d’arte di Martina Casati
Marina & Ulay, la storia infinita.
Bonjour pilloline! Come state?
Per farmi perdonare di aver saltato una puntata (e per salutarvi come si deve prima delle vacanze) ho deciso di sciogliere i vostri cuoricini pillolosi con un’altra storia d’amore. Forse la più glamour, piccante e cool di tutta l’arte contemporanea. Quella tra Marina Abramovic (la regina della performance) e l’artista Ulay (al secolo Frank Uwe Laysiepen), suo compagno d’arte e di vita per 12 anni. Non lasciatevi ingannare dal fatto che oggi hanno la bellezza di 72 e 75 anni: non c’è niente di più distante da due teneri vecchietti che si tengono per mano su una panchina del parco. E sono sicura che non appena usciranno le loro memorie che stanno scrivendo a quattro mani (questa l’ultima novità da poco annunciata), dentro ci sarà materiale da far arrossire anche le più birichine tra voi. (Tanto più che loro sono a tutt’oggi due fighi pazzeschi e che lei, che si mostra ancora allegramente nuda nelle sue performance, potrebbe dare la birra a un bel po’ di trentenni. Credetemi.).

Ma chi è Marina Abramovic? E’ l’artista che ha trasformato la performance degli anni Settanta (hard, politicizzata, ma spesso piuttosto noiosetta) in uno spettacolo mediatico planetario. Quella che si è quasi fatta seviziare da un pubblico fuori controllo a cui si era affidata come una bambola senza volontà in una specie di esperimento antropologico, pubblico che le tagliuzzava gli abiti per spogliarla, la legava, la feriva e la minacciava con una pistola carica (Rhythm 0, 1974); quella che si incideva stelle sanguinanti sul ventre (Thomas lips, 1975); quella che si presentava alla Biennale di Venezia del 1997 seduta in cima a un mucchio di ossa bovine, tutta vestita di bianco, e con una spazzola di ferro puliva le ossa dalle cartilagini cantando una nenia serba per sensibilizzare sulla guerra che stava avendo luogo nel suo Paese, la ex Jugoslavia (Balkan baroque), e vi assicuro che facendo in giugno – mese dell’inaugurazione – parecchio caldo, la puzza era insopportabile e già il secondo giorno pullulavano i vermi. Vi giuro che quando Pitbull, il mio temibile caporedattore, mi ha fatto l’inaspettato regalo di mandarmi a intervistarla, be’, sono rimasta senza parole davanti al fascino di questa regina... che si dimostrava pure simpatica e alla mano.

E Ulay? Certo, Ulay accanto a questo fenomeno è una figura un po’ pallida, bisogna ammetterlo. E credo che non sia stato facile per lui (come del resto non lo sarebbe per nessun maschietto) fare da eterna spalla e da eterno principe consorte. Però il loro amore fu davvero una fiamma divorante e le opere che idearono insieme sono ancora tra le più iconiche di tutta la storia dell’artista. Si incontrano nel 1975 e cominciano a lavorare insieme. Lasciano tutto, vivono su un camper e girano l’Europa per mettere in scena le loro performance sensuali e disturbanti. Guadagnano pochissimo, sono sempre senza soldi, ma in breve tutti parlano di loro. Della performance in cui stanno uno di fronte all’altra in equilibrio instabile con un arco teso in mezzo a loro e la freccia puntata verso il cuore di lei (Rest enrgy, 1980); dell’idea che viene loro nel 1977 per svegliare il pubblico della Gam di Bologna: quella di mettersi completamente nudi nello spazio esiguo della porta d’ingresso, costringendo lo spettatore, che per passare deve mettersi di fianco, a scegliere se strusciarsi contro di lui o contro di lei (Imponderabilia); del lungo soffocante bacio che si scambiano a naso tappato restando incollati bocca a bocca finché non sopraggiunge il collasso, che avviene infatti dopo 17 minuti (Death self, 1977). Anche quando finisce la loro storia Marina e Ulay decidono di celebrare con una performance: nel 1988 con The Great Wall walk partono dai due estremi opposti della Grande Muraglia cinese e si incontrano dopo 90 giorni di impervio cammino per dirsi addio. Esibizionisti? Forse un po’. Ma certamente legati da qualcosa di potente.

A quell’addio seguono lunghi silenzi, distacchi, un momentaccio in cui Ulay (convinto che lei venda opere realizzate a quattro mani firmandole come sue e non gli dia la sua parte) le fa anche causa. Ma nel 2010 durante la performance The artist is present, mentre lei sta seduta al tavolino dove crea muti dialoghi ipnotici con il suo pubblico, improvvisamente se lo trova davanti e si scioglie in lacrime mentre lui le prende le mani; e allora lo spettatore non può fare altro che esalare un: “Oooh...”, commuoversi, e convincersi che la loro storia d’amore non finirà mai.
Infatti oggi eccoli di nuovo insieme per questa nuova fatica letteraria. E sono sicura che quando a settembre l’Italia ospiterà la gigantesca retrospettiva dedicata a questa donna vulcanica (The cleaner, Palazzo Strozzi, Firenze, dal 21 settembre 2018 al 20 gennaio 2019) ne vedremo ancora delle belle.
A settembre, pilloline, ci rivedremo anche noi. Per il momento vi mando mille baci e vi auguro buona estate.

Martina Casati è la protagonista del romanzo di Alessandra Redaelli Arte, amore e altri guai, Newton Compton Editori, Roma, 2017. Per Newton Compton Alessandra Redaelli ha pubblicato anche i tre saggi Keep Calm e impara a capire l’arte (2015), I segreti dell’arte moderna e contemporanea (2016) e 10 cose da sapere sull’arte contemporanea (2018).

mercoledì 27 giugno 2018

INTERVISTA A SIMONA GIORGINO - SEGNALAZIONE "SEI DOVE BATTE IL CUORE"

giugno 27, 2018 0 Comments
Buongiorno lettori! Oggi ho il piacere di portarvi l'intervista a Simona GiorginoIl 5 Luglio esordirà nel grande panorama editoriale, pubblicata da Newton Compton, con il suo romanzo SEI DOVE BATTE IL CUORE, già precedentemente auto-pubblicato con il titolo Sei dove sussulta il cuore.
Io sono super entusiasta! Simona è davvero adorabile, una romanticona un po' inguaribile... e ci piace così! Sono sicura che con la sensibilità della sua penna, riuscirà a far innamorare migliaia di lettrici del suo romanzo, in cui amore e sincerità sono le parole chiavi! Perché in fondo non bisogna mai seguire la strada più semplice... ma andare dove ci porta il cuore.

TITOLO: Sei dove batte il cuore
EDITORE: Newton Compton
COLLANA: Anagramma
DATA DI USCITA: 5 luglio 2018
PAGINE: 288 (disponibile sia cartaceo che ebook)
GENERE: Narrativa contemporanea femminile
PREZZO: 9,99 cartaceo, 1,99 ebook


SINOSSI E E QUARTA DI COPERTINA:

«Stupendo. Da tanto tempo non leggevo un libro scritto da un’autrice con una sensibilità così profonda.» 

La cosa più difficile in amore è scegliere da che parte stare

Tessa ha trent’anni, è originaria di Lecce, ma vive a Milano, dove lavora come traduttrice e mediatrice culturale in una struttura d’accoglienza, il Paradise Corner. In un giorno di pioggia incontra Brando: è un momento perfetto, romantico, come la scena di un film. Tessa non riesce a smettere di pensarci, ma non ha idea di come contattare quel ragazzo, scomparso senza lasciarle nemmeno un numero di telefono. Nel frattempo, al Paradise Corner arriva Leo: ha un passato pesante alle spalle che ha spinto la sua famiglia a non volerne più sapere di lui. Tessa prova a capirlo, a stargli vicina, si offre persino di accompagnarlo in Puglia perché possa confrontarsi con gli errori commessi. Tra loro a poco a poco si instaura un legame di profonda fiducia. Mentre la mente di Tessa continua a essere occupata dal pensiero costante di Brando, il destino le regala un altro incontro, con un ragazzo dolce e gentile. E Tessa sembra sentirsi finalmente felice. Ma non è sempre facile capire il proprio cuore, soprattutto quando sembra spingerci in direzioni diverse. E scegliere, allora, diventa un obbligo davvero complicato…


Una storia romantica sull’importanza dell’amore e della sincerità

«Mi ha emozionato tantissimo, mi sembrava quasi di viverlo.»

«Libro coinvolgente, letto tutto d’un fiato. Ve lo consiglio vivamente.»
 


ABOUT THE AUTHOR: È nata in provincia di Lecce nel 1986, è laureata in Traduzione e Interpretariato e insegna Inglese nella scuola secondaria. La passione per la scrittura la accompagna da sempre. Ha esordito, nel 2012, con il romanzo Jeans e cioccolato, seguito poi da Quel ridicolo pensieroSei dove batte il cuore è il primo romanzo pubblicato dalla Newton Compton.



1. Benvenuta cara Simona su Living among the books. Oggi siamo qui per parlare del tuo romanzo d'esordio nel grande panorama editoriale, SEI DOVE BATTE IL CUORE. Dicci in una breve frase che emozioni stai provando, ti saresti mai aspettata di raggiungere questo traguardo?
Ciao Chiara, grazie per avermi ospitato nel tuo blog! L’emozione di esordire con Newton Compton è tanta. D’altronde come non potrebbe essere così se questo è praticamente un sogno che si realizza? Non vedo l’ora di avere il mio libro tra le mani per la prima volta, e magari anche di andare in libreria e trovarlo tra gli scaffali! Inutile negarlo: sto sognando a occhi aperti! È una casa editrice che ho sempre apprezzato molto. Mi vengono in mente tutte le volte che sono stata in libreria e ho comprato un libro della Newton, senza minimamente sospettare che un giorno sarei diventata una loro autrice. Perché in effetti no, non me lo aspettavo: quando mi hanno contattato stavo mangiando un piatto di orecchiette e sono rimasta con la bocca aperta e la forchetta a mezz’aria per qualche secondo abbondante! :D


2. Qual è stata la tua fonte di ispirazione per la stesura di questa storia?
 Milano è stata la mia fonte di ispirazione. Ho vissuto lì per un paio d’anni, per lavoro, e quando sono tornata a casa sentivo un forte bisogno di scrivere una storia che fosse ambientata lì. Ho amato profondamente quella città e non nego che lasciarla è stato molto triste. Ho quindi aperto un file word e ho iniziato a scrivere come un’indemoniata: le dita battevano da sole sulla tastiera, come se non fossi io a comandarle! Avevo proprio bisogno di liberare l’immaginazione che, per gli impegni lavorativi, era rimasta in prigione per troppo tempo!


3. Tessa è la protagonista del romanzo, turbata dall'incontro di Brando, che scompare misteriosamente dopo averle scombussolato il cuore per un solo giorno (forse) e sollevata dall'avvicinamento di Leo, con un passato alle spalle e che sembra capirla. Raccontaci un po' del suo personaggio. Ma soprattutto, su una scala da 1 a 5, in quanto ti rivedi in lei?
 Tessa non è me, ma ha molto di me. Le ho dato diverse cose che mi appartengono: tratti caratteriali, specializzazione (è una traduttrice e mediatrice culturale, esattamente quello per cui ho studiato io all’università, anche se poi ho finito per fare altro, cioè l’insegnante), amore per la città, trasferimento a Milano da Lecce. Insomma, vista così può sembrare che io e lei siamo la stessa persona. In realtà questo succede spesso: capita che io dia qualcosa di me ai miei personaggi, ma poi la storia in cui sono coinvolti non mi appartiene, ed è loro soltanto.
Mi chiedi chi è Tessa: è una ragazza che ha tenuto il suo cuore chiuso per troppo tempo, dopo la rottura con il suo ex ragazzo, che si è dedicata anima e corpo al suo nuovo lavoro al Paradise Corner, una struttura d’accoglienza, dimenticandosi di vivere la vita, e che all’improvviso diventa vittima di un curioso scherzo del destino: nel giro di poche settimane farà degli incontri che metteranno a soqquadro la sua esistenza pacata e tranquilla, e che ridaranno al suo cuore il giusto ritmo!


4. Un pregio e un difetto di Brando.
Brando è attraente, affascinante, coinvolgente. Il difetto non posso dirlo: svelerei troppo della storia! ;) Vi tocca scoprirlo leggendo il libro! :D


5. Tre aggettivi che descrivano Leo.
Ribelle, libero, sensibile. Un grande personaggio! Sono molto affezionata a lui.


6. Che consiglio ti sentiresti di dare alla nostra protagonista? Se fossi una sua amica cosa le diresti per evitare che si cacci nei guai?
Be’, nel romanzo c’è già un’amica che le dà molti consigli e la aiuta a non ficcarsi nei guai. Si chiama Vanessa. Direi esattamente quello che ho fatto dire a lei:  «Ricorda sempre, tesoro: la strada che ti sembra più dritta, più spianata e più facile da percorrere non è necessariamente quella giusta da prendere. A volte per essere felici bisogna correre dei rischi, fare qualche curva e superare qualche dosso».


7. Mentre Tessa continua ad essere ossessionata dal ricordo di Brando, il fato le regala un incontro con un ragazzo dolce e gentile. Credi nel destino?
Sì. Credo che ogni cosa avvenga per una ragione: anche l’incontro con quel ragazzo dolce e gentile di cui parli, che si chiama Rocco, le servirà per fare chiarezza su tante cose. Rocco è una manna dal cielo, la dolcezza fatta persona: il mondo dovrebbe essere pieno di uomini come lui!


8. Quanto c'è di autobiografico in questo libro?
Di autobiografico non c’è nulla. Non amo scrivere direttamente di me, e le storie dei miei libri sono sempre inventate, frutto della mia immaginazione. Ma per scrivere parto sempre e comunque dalla mia vita: per mettere su una storia, attingo sempre al mio bagaglio di esperienze, alle mie sensazioni, alle mie impressioni, ai miei ricordi. Prendo un po’ di qua e un po’ di là e ci ricamo una storia. E anche quando qualche dettaglio deriva dalla mia esperienza personale, è talmente romanzato che alla fine neppure io stessa riesco più a riconoscerlo! Anche io stessa ho difficoltà a distinguere il confine tra realtà e invenzione!

9. Hai intenzione di scrivere altri generi? Fantasy o gialli?
Mi piace scrivere romanzi contemporanei e credo che metterci dentro un po’ d’amore e di sentimenti sia imprescindibile per quanto mi riguarda, è quello di cui mi piace scrivere di più. Però mai dire mai: ho imparato che chi scrive ama anche sperimentare, superarsi, reinventarsi. Qualche mese fa, per esempio, ho attraversato una fase in cui avevo voglia di cambiare, però poi ci sono ricascata: ho scritto un altro contemporaneo sentimentale!

10. Cosa rappresenta per te il mondo della scrittura? Raccontaci un po' di Simona.
Molto semplice: la scrittura è tutto. Da sempre. È il modo attraverso cui comunico, sogno, vivo, mi conosco, mi interrogo, mi do delle risposte. Nella scrittura trovo la mia dimensione ideale. Se anche per qualche ragione, lavorativa soprattutto, non dovessi avere la possibilità di scrivere un libro, devo comunque cimentarmi in racconti, poesie, pagine volanti, post sul blog. Scrivere è indispensabile per liberare emozioni che restano intrappolate, per sognare attraverso i miei personaggi, per creare mondi e storie che mi facciano emozionare, per andare in posti lontani dove nella realtà non mi è possibile andare. Scrivere mi permette di capire la vita e di trovare le mie risposte: quelle che nella fretta di vivere non riesco a darmi, e che riesco a trovare solo tra le parole.




PICCOLI ESTRATTI DELL’OPERA:
1)
Mi emoziono di fronte a uno dipinti più belli di Leonid Afremov. È Rain’s Rustle, Il fruscio della pioggia, come mi ricorda la didascalia che contrassegna l’immagine. Un uomo e una donna che percorrono un viale alberato in un parco che ha i colori dell’autunno. Sembrano immortalati in una passeggiata infinita, come se la loro meta fosse l’eternità.
La bellezza dell’immagine mi fa sorridere e la mia espressione deve aver comunicato qualcosa, perché lui, che evidentemente mi osservava nel buio, all’improvviso dice: «Sai, Tessa, la risposta è proprio là dentro: chiunque sia la persona con cui ti piacerebbe essere in quel dipinto, quella è la persona che vorresti al tuo fianco».
Ha ragione: spesso le risposte sono più vicine di quanto crediamo, e si nascondono nelle cose più piccole e più insignificanti, in cui non potremmo mai neanche sospettare di trovarle.

2)
E poi gli racconto di Milano, e di quello che la città ha significato nella mia vita, di quello che mi ha regalato: amicizia, lavoro…
«…e amore?», si informa.
«Quello no, non ancora».
Eppure riesco già a sentirne i primi odori nell’aria, come quando arriva la primavera, e con il profumo dei fiori capisci che l’inverno è ormai alle spalle.

3)
Cerco di concentrarmi sulle traduzioni, ma il suo volto ricompare tra le parole, tra i dati personali di alcuni ospiti passati per questa comunità, e non c’è verso di liberarmi di lui. I suoi occhi si sono impressi nei miei e, anche se cercassi di scacciarli via guardando fuori dalla finestra, è nell’azzurro del cielo che li ritroverei ogni volta.

LEGGI LA MIA INTERVISTA AD ANNA PREMOLI.

LEGGI LA MIA INTERVISTA AD ANNA PREMOLI.
Regina indiscussa del romance italiano.

INTERVISTA A JEANNE RYAN

INTERVISTA A JEANNE RYAN
AUTRICE DEL BESTSELLER NERVE

INTERVISTA A MARTIN RUA

INTERVISTA A MARTIN RUA
Autore de "La profezia del libro perduto" un grande thriller (prophetiae saga) edito da Neton Compton

CINEMA E SCI-FI

CINEMA E SCI-FI
I FILM FANTASCIENTIFICI CHE HANNO FATTO LA STORIA

Follow me @livingamongthebooks