Translate

Lettori fissi

REVIEW PARTY "UOMINI CHE RESTANO" di Sara Rattaro


Hello readers! Eccoci qui con la tappa per il review party di "Uomini che restano" l'ultimo libro di Sara Rattaro, un'autrice dalla sensibilità e vena poetica senza uguali.
Avevamo già conosciuto Sara, qui sul blog, con la recensione de "L'amore addosso" sempre edito da Sperling&Kupfer (LINK DIRETTO ALLA RECENSIONE).
"Uomini che restano" è una storia di coraggio, un messaggio di speranza e di lotta, perché prima o poi esce il sole, per tutti!

Se vi siete persi l'intervista a Sara Rattaro ecco il link .



Titolo: Uomini che restano
Autore: Sara Rattaro
Data di pubblicazione: 13 febbraio 2018
Pagine: 264
Editore: Sperling&Kupfer
Prezzo cartaceo:14,36€
Prezzo ebook: 9,99

LINK DIRETTO ALL'ACQUISTO

Sinossi:All’inizio non si accorgono nemmeno l’una dell’altra, ognuna rapita dal panorama di Genova, ognuna intenta a scrivere sul cielo limpido pensieri che dentro fanno troppo male. Fosca e Valeria si incontrano per caso nella loro città, sul tetto di un palazzo dove entrambe si sono rifugiate nel tentativo di sfuggire al senso di abbandono che a volte la vita ti consegna a sorpresa, senza chiederti se ti senti pronta. Fosca è scappata da Milano e dalla confessione scioccante con cui suo marito ha messo fine in un istante alla loro lunga storia, una verità che per anni ha taciuto a lei, a tutti, persino a se stesso. Valeria nasconde sotto un caschetto perfetto e un sorriso solare i segni di una malattia che sta affrontando senza il conforto dell’uomo che amava, perché lui non è disposto a condividere con lei anche la cattiva sorte. Quel vuoto le avvicina, ma a unirle più profondamente sarà ben presto un’amicizia vera, di quelle che ti fanno sentire a casa. Perché la stessa vita che senza preavviso ti strappa ciò a cui tieni, non esita a stupirti con tutto il buono che può nascondersi dietro una fine. Ti porta a perderti, per ritrovarti. Ti costringe a dire addio, per concederti una seconda possibilità. Ti libera da chi sa soltanto fuggire, per farti scoprire chi è disposto a tutto pur di restare al tuo fianco: affetti tenaci, nuovi amici e amici di sempre, amori che non fanno promesse a metà. Sara Rattaro racconta le nostre emozioni come se sapesse leggerci dentro. Sono nostre le paure e le speranze, le illusioni e gli smarrimenti di fronte alle mille variabili dell’amore, alle traiettorie imprevedibili dell’esistenza. Sono eroi normali quelli che vincono in questa storia, donne e uomini che hanno il coraggio di lottare nei momenti più duri, di accettarsi senza indossare maschere, di tenere aperta la porta del cuore per esporsi al destino e ricominciare.


About the author:Sara Rattaro è nata a Genova. Laureata in Biologia e in Scienze della Comunicazione, ha lavorato come informatore farmaceutico prima di dedicarsi completamente alla scrittura. È autrice di diversi romanzi: Sulla sedia sbagliataUn uso qualunque di teNon volare via (Premio Città di Rieti 2014), Niente è come te (Premio Bancarella 2015), Splendi più che puoi (Premio Rapallo Carige 2016), L'amore addossoUomini che restano e Il cacciatore di sogni, il suo primo libro per ragazzi. È docente di Scrittura creativa presso l'Università degli studi di Genova.



Eccomi qui, seduta alla scrivania, a tentare di scrivere la recensione di "Uomini che restano". Poi mi rendo conto che, almeno per una volta, rimango senza parole. E per una come me che ne ha sempre fin troppe, al limite dell'essere logorroica, è davvero un problema.
Premetto che non voglio spoilerare alcune parti salienti della storia, perché credo che meriti assolutamente di essere letta, quindi mi manterrò sul vago per quanto riguarda la trama e mi concentrerò più sullo stile e sulle emozioni che questo testo mi ha lasciato. 
Come vi anticipavo, ho già letto un altro romanzo della Rattaro. Forse peccherò, ma mi era sconosciuta. Il suo nome non mi era nuovo, però. Avevo intravisto in libreria qualche suo romanzo edito Garzanti, ma non li ho mai comprati tutti, non c'è mai stata una "forza interiore" che mi ha spinto a dire "Okay, acquistiamone un paio.". 
Come le migliori delle scoperte, le storie di Sara sono avvenute così, per caso. Una calda giornata estiva e un messaggio sulla casella di Direct. Un'autrice mi chiedeva se avessi avuto voglia di leggere il suo romanzo "L'amore addosso" spulcio sul suo profilo e... CAPPERO, NON MI E' NUOVA!

Di lì è iniziata la mia passione sviscerale per questa donna. Il suo stile è inconfondibile, il suo tatto, la sua semplicità e al contempo poesia nello scrivere è davvero unica.

Anche qui, protagoniste due donne, Fosca e Valeria, che si ritrovano sul tetto di un palazzo.
Le loro vite si intrecceranno, e il loro senso di abbandono rimarrà sì perpetuo nel loro animo, ma rappresenterà un nuovo magico inizio. Perché in fondo i cambiamenti fanno sempre paura.

Riallacciandomi a una diretta di Sara, di pochi giorni fa, su instagram, l'incipit inizia il giorno normale, di una vita normale, di una persona normale.
Fosca sta preparando la sorpresa per la festa di compleanno di suo marito, Lorenzo, ed è intenta a sistemare gli ultimi addobbi e a chiedere agi ospiti di nascondersi. Ma al rientro dell'uomo le cose non andranno come previsto... è ed proprio qui che inizia la Storia.

La sua scrittura è tagliente, schiaffo e carezza allo stesso tempo.
Quando si legge una pagina di un suo romanzo si capisce subito che a scrivere è proprio la Rattaro!


"E' stato come se si fosse fermato tutto. Il tempo, il respiro dei miei genitori, i macchinari salvavita, l'operosità delle infermiere, la burocrazia. Improvvisamente e per una frazione di tempo, eravamo sospesi. Non c'era luce, aria o movimento alcuno."


Una sofferenza straziante quella che sembra non abbandonare le due protagoniste, che seppur in alcune diverse sfaccettature, sembrano vivere la medesima situazione.

Troviamo una vasta gamma di personaggi secondari che apprezzerete moltissimo, come Fabrizio, Ale. Dalla descrizione di Genova, la città natale di Sara, si sente tutto l'amore dell'autrice per la sua terra. 

I colpi di scena terranno il lettore in uno stato di adrenalina. L'intreccio è studiato nei minimi dettagli e niente è lasciato al caso.

La storia di Fosca e Valeria può essere anche la nostra storia. Una storia di anime fragili, alla ricerca disperata dall'amore, che in fondo è l'unica forza motrice, quell'energia che ci tiene in vita.
Anche in questo romanzo, l'autrice ci fornisce numerosi spunti di riflessione; riesce a infonderci coraggio e determinazione.
Ed è proprio questo che rende speciali le storie di Sara: la quotidianità. Parlare di situazioni comuni, che possiamo vivere anche noi stessi in prima persona, in modo da immedesimarci a pieno nella storia e dire "e se succedesse a me?". Questo è uno degli ingredienti magici che rendono le storie della Rattano uniche e speciali, questo senso di vicinanza ed empatia con i protagonisti. Situazioni che sembrano essere così remote e impensabili per noi, "no, tutto questo non può succedere mica a me"  ma che poi diventano possibili e realizzabili.

"Uomini che restano" è un inno alla vita, vissuta nella sua totalità di gioie e dolori, ma pur sempre intensamente!