Lettori fissi

Translate

Cerca nel blog

Dove compri i tuoi libri?

giovedì 13 luglio 2017

BLOGTOUR "RONDINI D'INVERNO"- CIBI, BEVANDE E CUCINA TIPICA NAPOLETANA

Cari readers! Ecco la mia tappa del blogtour che io e altre blogger abbiamo organizzato per l'uscita del nuovo romanzo di Maurizio De Giovanni "Rondini d'Inverno- Sipario per il commissario Ricciardi". Il mio articolo sarà piuttosto... GUSTOSO! Andremo a parlare delle pietanze DOC dello scenario in cui si muove il Commissario Ricciardi.


CIBI, BEVANDE E CUCINA TIPICA NAPOLETANA (CILENTANA)

Premetto che sono Siciliana, ma da buona "terrona" ho apprezzato tantissimo queste specialità culinarie!

FRIARIELLI CON SALSICCIA: è un dei piatti must della cucina napoletana domenicale. I friarielli sono un tipo di verdura simile alle cime di rapa e possono essere usati sia per un primo, che per accompagnare un secondo (gamberi e friarielli, muffin ai friarielli).
Basterà far cuocere la salsiccia a parte in una padella e in un'altra i friarielli e soffritto, a fuoco medio. Una volta sbollentati, passate la fiamma a fuoco vivace e fate cuocere per altri 5 minuti. Unite la salsiccia ed è fatta!


PIZZA MARGHERITA NAPOLETANA: chi è che non ama la pizza?! E chi non sa che Napoli è la patria di questa prelibatezza? Ormai è diffusa in tutto il mondo ed  è servita anche per le grandi occasioni, compleanni, cresime... chi non opta per un bel giro pizza? Gli ingredienti base per un buon impasto sono: acqua, farina, lievito di birra e sale. Il diametro della pizza deve essere massimo 35cm e i bordi devono essere spessi, ma non più altri di 1-2 cm. La salsa non deve risultare né troppo acidula né troppo dolce. Guarnite con basilico e mozzarella fresca!


SFOGLIATELLE: la sfogliatella riccia è uno dei dolci napoletani più famosi! Il suo impasto con acqua, farina, strutto, sale e miele, la rende leggerissima, ma in realtà la sua lavorazione è molto complessa poiché dovete fornirvi di mattarello e tanta forza nelle braccia per poter lavorare bene la pasta. Una volta ottenuto un impasto finissimo, lo si avvolge nel mattarello e lo si poggia in un ripiano. Questa preparazione necessita di due persone poichè bisogna tirare, allargare e avvolgere la pasta da entrambi i lembi, inserendo lo strutto.
Di solito vengono guarnite con crema alla ricotta.


L'INSALATA DI RINFORZO: è uno dei piatti napoletani servito, soprattutto, durante il periodo natalizio. Ne esistono di diverse varianti, normalmente gli ingredienti che non possono mancare sono: cavolfiore, indivia riccia (facoltativa), olive nere e verdi, acciughe, cetrioli, sale, capperi e peperoni sott'aceto, olio e aceto di vino rosso.






CAVATIELLI ALLA CILENTANA: i cavatielli (qui in Siclia noti come cavateddi) sono una pasta fresca, lavorata a mano con un incavatura all'interno. L'impasto di farina e acqua rende la pasta leggerissima. I cavatielli si preparano prendendo poi un ritaglio di pasta e lavorandola fino a formare un cilindretto, che verrà poi tagliato in piccoli pezzetti. Basterà premere con il dito indice sul cubetto e rigirarlo su se stesso sulla spianatoia. Accompagnateli con un buon sugo di carne di maiale e farete un successone!





LIMONCELLO: è un liquore che sicuramente tutti avrete in casa, ideale per un post dolce, ma anche utile per la "bagna" del pan di spagna di alcune torte. Essendo la Campania la terra dei limoni, è assolutamente una bevanda DOC cilentina. Basta avere in casa limoni, alcol puro, zucchero e acqua. Aspettate almeno 30/40 giorni dalla preparazione prima di mettere in frigo il vostro limoncello e guastarlo a fine pranzo!





SI CONCLUDE IN BELLEZZA QUESTO ARTICOLO DIVERSO DAL SOLITO E DEVO AMMETTERE CHE MI E' VENUTO UN CERTO LANGUORINO, PARLANDO DI QUESTI PIATTI DELIZIOSI!
SIETE DELLA CAMPANIA? QUALI DI QUESTE PIATTI PREFERITE E QUALI AVRESTE AGGIUNTO? IO HO AMATO I CAVATIELLI ALLA CILENTANA E VOI? QUALI DI QUESTE PRELIBATEZZE VORRESTE ASSAGGIARE? 

2 commenti: