giovedì 23 febbraio 2017

INTERVISTA A GIOCOBBE SCURTO- IL MIO PRIMO GIORNO

Hello readers! Continua la “living interview week” questo è il turno di Giacobbe Scurto con il suo emozionante romanzo “Il mio primo giorno”! Ringrazio l’autore per la disponibilità! Sono sicura che la sua storia riscuoterà grande successo! Ma prima ecco la trama:  uomo e una donna, e poi lui - Nathan. Un padre e una madre in un viaggio che porta con sé tutte le contraddizioni e i paradossi della vita, quella vera. Il protagonista e sua moglie, Emily, stanno per avere un bambino, ma non sempre quei nove mesi sono come te li aspetti. Le circostanze mettono in subbuglio la mente e il cuore dei due genitori, e il protagonista lo racconta dando voce ai suoi pensieri e alle sue emozioni. 

1.     Cosa ti ha spinto a scrivere il tuo romanzo?
Il desiderio di condividere. “Ci sono storie che non possono non essere raccontate”. Questa è una di quelle, per noi. Per ispirare, per mostrare l’esistenza di una speranza anche quando questa sembra non essere più.

2.     “Il mio primo giorno” è la storia di un uomo e una donna e del loro bambino, cosa rappresenta per te questo libro?
Rappresenta tutto, perché quell’uomo sono io. 

3.      Cosa vuoi insegnare ai tuoi lettori con il tuo romanzo?
Insegnare, nulla. Ispirare, trasmettere, condividere tanto. Sopra ogni cosa che fiducia, speranza e amore durano per sempre. Che Dio è dalla nostra parte, che ci sostiene, ci consola.
4.     Due pregi e due difetti di Emily.
La mia Emily, Miriam, ha solo pregi. Con gli occhi dell’amore si vede solo il bello. 

5.     Tre buone ragioni per leggere “Il mio primo giorno”.
Perché è una storia vera, perché ognuno di noi si è trovato ad affrontare un momento di sofferenza nella propria vita, e perché c’è bisogno di tornare a sperare, sognare.

6.     In quale personaggio della grande letteratura italiana ti rivedi?
Nessuno, non amo paragoni. Mi ispiro alla scrittura di Baricco, quello sì.

7.     Durante la stesura del romanzo ai (hai) pensato di gettare la spugna?
E’ difficile raccontare momenti difficili di sofferenza. La perdita di un figlio fa male. Sì, ci sono stati momenti difficili, ma l’amore di Dio e la scoperta che il nostro secondo figlio, Noah, sarebbe arrivato a breve mi hanno dato la fora di arrivare fino alla fine.

8.     Qual è stato l’imput (input) che ti ha portato alla scelta del titolo?
Ho scelto il titolo prima di scrivere il libro. Perché ognuno ha un suo primo giorno. Da padre, da figlio. Da eroe ordinario. 

9.     A chi dedicheresti la tua storia e perché?
A tutti coloro che hanno sofferto o stanno soffrendo, e non riescono a vedere nulla oltre il proprio dolore. Perché? Per mostrare loro come noi siamo riusciti a uscirne vincitori, con l’amore e l’aiuto di un Dio che è molto più vicino di quanto ce lo possiamo immaginare.

10.                        Cosa rappresenta per te il mondo della scrittura? Raccontaci un po’ di Giacobbe.

Per me scrivere è mettere la propria anima su dei caratteri mobili, plasmare il flusso delle proprie emozioni dandogli una forma leggibile. 

0 commenti:

Posta un commento

 

LIVING AMONG THE BOOKS PAGE Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang