Lettori fissi- ISCRIVITI!

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

REVIEW PARTY "IL BAMBINO BUGIARDO" - S.K. TREMAYNE

Hello readers! Oggi ha inizio un altro REVIEW PARTY. Stavolta il libro che abbiamo trattato è IL BAMBINO BUGIARDO di S.K. Tremayne. Nel banner trovate gli indirizzi dei blog che hanno postato la loro recensione.
Per capire meglio il filone della storia vi lascio qui di seguito la trama:
La vetrata del grande salone si affaccia sul mare della Cornovaglia. Mentre osserva le onde infrangersi sulla scogliera, Rachel si guarda intorno. Stenta ancora a credere che quella sala e l’intera tenuta di Carnhallow siano sue. Si è finalmente gettata alle spalle la sua vita tormentata grazie al matrimonio con David, un ricco avvocato, e al rapporto speciale che ha con il figlio di lui, Jamie, un bambino timido e silenzioso, segnato dalla tragedia della morte della madre, due anni prima. La donna è rimasta vittima di un terribile incidente nelle miniere sotterranee su cui si erge Carnhallow e il suo corpo non è mai stato ritrovato. Rachel si affeziona al piccolo come se fosse suo. Ma improvvisamente il comportamento del bambino diventa molto strano. Comincia a fare sogni premonitori e dice di sentire la voce della madre che lo chiama dal labirinto di cunicoli sotterranei. Finché un freddo pomeriggio d’autunno, mentre lui e Rachel sono soli sulle scogliere, le rivela: «Tu morirai il giorno di Natale». Un tarlo comincia a scavare nella mente di Rachel. Cosa è successo due anni prima? La madre di Jamie è davvero morta? Perché David si rifiuta di parlarne con lei? È possibile che il marito di cui è tanto innamorata le nasconda qualcosa? Dicembre si avvicina e Rachel sa che deve scoprire la verità, e in fretta, perché ogni angolo della sua nuova casa nasconde un pericolo mortale.

178 GIORNI PRIMA DI NATALE.
E' così che inizia il racconto. 178 giorni prima della premonizione di Jamie. 
Una delle protagoniste indiscusse di questa storia è Rachel Daly, descritta come una donna volitiva e femminista o almeno fino a sei mesi prima, prima di aver incontrato David, un uomo più alto, ricco e vecchio di lei. I due s'incontrarono nel "Bar Soho", piuttosto brilli, David mostra a Rachel la foto di suo figlio, un adorabile bimbo degli occhi blu, e fu allora che Rachel percepì che quel bambino doveva essere un po' anche suo.
Agli inizi, Rachel più osservava il rapporto che si era costruito tra David e Jamie (entrambi provati dalla morte di Nina Kerther rispettivamente moglie e madre) più amava David e riusciva a capire il perchè l'avesse sposato a distanza di due mesi dal loro primo incontro.
In una conversazione con Juliet, madre di David, al castello in cui si sono trasferiti, viene introdotta indirettamente la figura di Nina. I Kerther venivano definiti tus-tenyow "persone con la luce" scoprivano nuovi filoni di stagno e rame, sostanzialmente. 
Rachel rinuncia alla sua libertà, al suo lavoro, per stare con David, ed è proprio per questo che si meraviglia di se stessa. Rinunciare a tutto per il proprio uomo. Anche se poi viveva in uno squallido e piccolo appartamento a Shorendith.
Nel romanzo è visibile più volte il fatto che il nucleo famigliare voglia paragonarla alla defunta Nina.

Il primo esempio lo abbiamo quando David ritrae la bella Rachel. Lei non amava essere fotografata, nè tanto meno essere oggetto di un ritratto, ma guardando quello che le aveva appena fatto il marito, lo adorò. Era rappresentata al meglio, in tutta la sua grazia, tranne per un tratto, il naso. Quel naso aveva qualcosa di famigliare, già visto in qualche foto, il naso di Nina.
Un secondo esempio lampante è nella parte in cui Rachel s'intrufola in una stanza del castello dedicata alla cose di Rachel, con un bel cartello n primo piano affisso alla porta, RIPOSA.

Qui Juliet invita la nuora a indossare dei vecchi vestiti di Nina perchè "tanto avete la stessa taglia".
Giunti alla vigilia di Natale arriviamo all'epilogo, la protagonista giunge al pozzo, la bocca urlante dell'inferno, nessun parapetto. La marea nera di alza e mostra un cadavere.
Il finale ovviamente non voglio/posso svelarvelo. Forse avrei approfodito un po' di più quest'ultima parte.

L'abilità di Tremayne, che ricordiamo è stato autore del bestseller 2015 Garzanti "La gemella silenziosa", sta nel fatto che riesce a trasmettere con una tale semplicità e nonchalance i sentimenti dei protagonisti. Ogni qual volta Rachel si trova in una situazione di pericolo si avverte l'ansia del personaggio, tant'è che anche il lettore si trova in uno stato di allerta. E chiaramente questi sono gli elementi cardini per scrivere un buon thriller e a mio modesto ed umile parere Tremayne ci è riuscito.
La protagonista, ovviamente, col susseguirsi di questi eventi diventa una Rachel paranoica, e questo la porta ad entrare in contrasto con il marito.
Ma Jamie è un bambino bugiardo? O in realtà sta solo raccontando una verità?

E' possibile che ogni certezza su cui ha basato la sua vita con David possa crollare? Può essere che sia tutto fondato su una menzogna?
Un avvincente e pericoloso viaggio alla scoperta della verità della famiglia di Jamie, ma soprattutto alla scoperta della vera Rachel.

Risultati immaginiIL BAMBINO BUGIARDO lo trovate in tutte le librerie e su ibs.it al prezzo di 9,99€.
Nel banner in alto troverete gli altri blog che hanno partecipato al REVIEW PARTY di modo da poter consultare anche le loro recensioni.
E voi che aspettate? Correte a leggere "Il bambino bugiardo" e lasciate un commento qui sotto se lo andrete ad acquistare :)
Vi ricordo che è attivo un giveaway su Facebook.
Vuoi vincere una copia gratuita de "Il bambino bugiardo"? Ecco le regole.

Regolamento:
1. Iscrizione a tutti i blog
2. Commentare e condividere almeno tre recensioni
3. Commentare l'evento facebook lasciando la mail per essere contattati in caso di vittoria.

Scade il 16 Giugno.


Ecco il codice per il giveaway


http://www.rafflecopter.com

Commenti

  1. Ciao! :-) Ho letto altre recensioni di questo review party e nella tua ho notato l'accento che hai posto sulle sensazioni di Rachel e delle "somiglianze" con Nina ed il fatto che il libro inizi 178 giorni prima del Natale... son molto curiosa di leggerlo anch'io!! 😉 📖

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, fammi sapere se lo leggerai sono curiosa di sapere cosa ne pensi!! In effetti queste somiglianze con Nina mi hanno colpita, ho dato rilievo a queste piccole sfaccettature. Una buona giornata😘

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari